10/03/2006      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                            soggettive

La Casina di Raffaello

Mi viene proprio adesso di considerare che il suo destino era nel nome: Casina... una cosa piccina... destinata ai piccini: e infatti, dopo tre anni che il Comune è riuscito a sfrattare che ci abitava (???), la Casina  è diventata una ludoteca. E il sindaco è contento contento.

 

Per arrivare alla inaugurazione ho fatto i salti mortali ma non avrei mancato questo momento per niente al mondo: è l'ultimo degli edifici di Villa Borghese ad essere restaurato.

E poi stamattina per me era come chiudere un cerchio per aprirne uno più grande; il cerchio si era aperto a marzo di tre anni fa, alla conferenza stampa che annunciava un anno di feste per il centenario di Villa Borghese. Per me in quella occasione cominciava anche un nuovo lavoro e dopo qualche settimana avrei conosciuto Pat... E poi e poi e poi...

Potevo mancare?

 

Che bello! Finalmente niente più rete metallica introno all'edificio.

Sarà stato sicuramente l'effetto delle scarpe da tennis (immancabili malgrado la stagione) unite ad una stanchezza grande, ma mi è sembrato che la ghiaia del vialetto fosse "soffice", che non scricchiolasse.

Non sospettavo che ci fosse perfino una cappellina ma non potevamo neanche immaginare cosa è questa ludoteca in un ambiente rinascimentale.

 

Certo, le inaugurazioni non sono il momento migliore per capire, guardare... spintoni, confusione... a parte le dichiarazioni ufficiali, mi restano frammenti: il soffitto affrescato... il pavimento di una delle stanze con la grande foto aerea di Roma dove mi viene subito di cercare il tetto di casa mia... il corrimano il legno chiaro, le salette che odorano di legno nuovo, i cucini e i libri colorati, le rampe dolci che evitano gradini tra una stanza e l'altra, un girare da una stanzetta odorosa e colorata all'altra per ritrovarsi al punto di partenza... piccola... casina... per i piccolini. Se fossi piccolina (e non è che in altezza... lasciamo perdere) mi piacerebbe venire qui, mi sentirei abbracciata, nulla mi sembrerebbe "grande", nemmeno il teatro dove ci hanno raccontato l'inizio della favola del drago, della spada e della corona.

E quindi bisognerà tornarci per sapere come va a finire.

Per i piccolini alla Casina di Raffaello succedono un sacco di cose e si trovano qui, e poi ci sono un sacco di altre storie.

 

angela J

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco