02/01/2006      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          for de porta

L’Amministrazione Brazzini al giro di boa

Il 29 dicembre scorso il Sindaco Antonio Brazzini ha tenuto a Cerveteri la tradizionale Conferenza Stampa di fine anno. Solo che questa volta l’incontro con i giornalisti per i rituali reciproci auguri per l’Anno Nuovo, non si è svolto nella solita sala della Giunta nel Palazzo ma nella “tenda fiera”, una struttura assolutamente provvisoria allestita in Piazza Risorgimento, sotto il Municipio; una simpatica innovazione - nonostante il freddo che filtrava dalle sottili trasparenti pareti e la continua incombente minaccia di pioggia – fortemente voluta dall’Assessore alla Cultura, Turismo e P.I., Angela Carletti, che, ponendo l’accento sulla assoluta carenza di spazi per la cultura nella nostra città, ha fatto rilevare come la struttura, utilizzata in questi giorni di feste Natalizie per varie attività di carattere ricreativo e culturale, può essere già considerato un primo timido cenno di miglioramento della grave attuale situazione.
Il Dottor Brazzini ha aperto l’incontro ricordando che la sua gestione del Comune era esattamente a metà strada affermando, arrivato appunto al giro di boa, “pur non arrivando a definirmi entusiasta, posso dichiarare di ritenermi soddisfatto di quanto si è fatto, in materia di progetti per Cerveteri, in questi travagliati due anni e mezzo di attività amministrativa, tra gli innumerevoli ostacoli e intralci di natura politica; nei restanti due anni e mezzo passeremo finalmente alla realizzazione di questi progetti per oltre otto milioni e mezzo di euro, di cui oltre la metà già finanziati ed esecutivi, e Cerveteri cambierà aspetto”.
Io considero ormai mia seconda patria questa città in cui vivo da quasi venti anni, e, debbo dire, promesse ne ho sentite tante, progetti che l’avrebbero resa finalmente vivibile e degna del suo glorioso passato ne ho visti tanti, per cui ormai lo scetticismo è quasi d’obbligo. Ciononostante voglio ancora sperare, e con me tutti i cittadini del vasto comprensorio di Cerveteri, che questa possa essere veramente l’occasione per quella svolta turistica e culturale che darebbe un impulso inimmaginabile alla vita ed all’economia della città.
Le premesse ci sono, voglio citare solo alcuni progetti che mi hanno fortemente colpito:
Il terminal viale Manzoni .- Banditaccia, con percorsi pedonali, ciclabili ed equestri, magari completabile con l’atteso “trenino della Necropoli” e il ponte pedonale sul fosso Manganello;
La sistemazione dell’area archeologica nella località Macchia della Signora, con realizzazione di strutture ricreative e ricettive per i giovani e per i turisti;
La rivalutazione del Centro Storico, in particolare con la realizzazione in Piazza Aldo Moro di una grande fontana, con forti richiami alle peculiarità del territorio (una cascata da una roccia in tufo), creando un parcheggio multipiano sotterraneo (e i ruderi etruschi che sicuramente verranno fuori??) e nascondendo l’attuale obbrobrioso ingresso ai gabinetti pubblici.
Cos’altro dire? Auguri a tutti noi.


Claudio Pirolli
 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco