17.05.2006           chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                            soggettive

Cicloraduno Auditorium – Galoppatoio

Domenica 14 Maggio si è svolto, a cura di alcune associazioni cicloamatoriali romane, un raduno con annessa pedalata per inaugurare la nuova pista ciclabile che dall'ingresso dell'Auditorium porta fino a ponte Milvio e, quindi, raccordardosi al tratto preesistente, conduce attraverso Ponte Risorgimento fino a via delle Belle Arti ed al Galoppatoio di Villa Borghese.
Al Galoppatoio, tra l'altro, siamo stati omaggiati dalla presenza del nostro Sindaco.
L'iniziativa è nata, oltre che per “impossessarci” di un nuovo tratto di strada regalato a noi ciclisti dal Comune, anche per proporre al Campidoglio alcune iniziative atte alla migliore fruizione della città da parte di chi ha deciso di usare il mezzo a pedali come sistema ecologico di spostamento. Maggiori piste ciclabili, miglioramento dei servizi di affitto delle bici, migliore organizzazione logistica sia delle strade sia delle ciclabili, sia delle infrastrutture (anche da creare ex novo), percorsi turistici specifici per i visitatori a pedali sono state le principali richieste effettuate. Il Sindaco ha ascoltato con attenzione le proposte e dichiarato che una buona percentuale delle stesse potrà essere attuata nel prossimo quadriennio. Nel frattempo, anche l'assessore all'ambiente, Dario Esposito, che ci aveva accompagnati nella pedalata, era stato messo al corrente delle proposte.
Ma veniamo alla parte più squisitamente cicloturistica. Assieme alla mia amica e caporedattrice di questo sito Angela ci siamo recati a questo (che non era il primo, ma bensì secondo!) raduno con spirito allegro e gioviale anche se qualche nuvola in cielo sembrava poter rovinare la festa. Invece è andato tutto a meraviglia. Come al solito, Angela conosceva tutti o quasi ed io nessuno o quasi, ma i raduni tra i cicloamatori si fanno anche per incontrare nuove persone, per scambiare due parole con gente che, probabilmente, non vedrai mai più nella tua vita, il tutto partendo dal presupposto che tutti abbiamo qualcosa in comune che ci lega: l'amore per questo mezzo bellissimo quanto faticoso e pericoloso.
Appena arrivati all'Auditorium, dopo aver ricevuto maglietta e cappellino, ho trovato un simpatico co-pedalatore che mi ha subito spiazzato su un tema a me molto caro:
“Semmai dovessero rendere il casco obbligatorio per tutti i ciclisti, smetterei di andare in bicicletta” mi ha confessato. Io, che sono uno strenuo fautore della lotta per il “casco per tutti”, mi sono ritrovato spiazzato: meglio un rischio in più per tutti, liberi di non usare la protezione per la testa, o un ciclista (attivo) in meno? Il dilemma non è, poi, così semplice da sciogliere...
Tra una meditazione ed un intervento meccanico (io ho dovuto regolare la chiusura dei pattini posteriori, un signore ha rigonfiato un pneumatico che si stava afflosciando, un ragazzo ha dovuto effettuare un intervento con le chiavi a brugola) siamo riusciti ad incamminarci non appena l'assessore si è palesato tra la cinquantina abbondante di partecipanti.
Il percorso iniziale è bellissimo: si vede che è nuovo e ben curato. Si passa lungo una porzione dei marciapiedi di Viale Tiziano, costeggiando il Palazzetto dello Sport ed il Villaggio Olimpico e si raggiunge in men che non si dica Ponte Milvio. Superato il ponte ci si raccorda alla ciclabile Settecamini – Castel Giubileo per un certo tratto, ovvero fino a Ponte Risorgimento. Qualche piccolo problema può nascere a causa delle radici degli alberi che, col tempo, hanno leggermente disassato il fondo stradale in alcuni punti, ma nulla di preoccupante.
Arrivati a Ponte Risorgimento (per noi sono state necessarie delle soste impreviste perché non si trovava più la figlia dell'assessore, prontamente ritrovata, comunque), si attraversa sul marciapiede (stando attenti a non distrarsi: un partecipante deve aver osservato più il Tevere della strada ed è scivolato rischiando di essere investito dalle macchine in transito) e ci si trova di fronte la “salita” di Viale delle Belle Arti. Qui il percorso è delineato solo dalla vernice apposta sul marciapiede, ma non ci sono problemi, se non per qualche sanpietrino galeotto. Superata l'area museale si entra all'interno di Villa Borghese. Ad accoglierci c'è una salita decisamente più bella e ripida, nonché il fatto che la strada, finalmente, è tutta per noi, e non più da condividere con le auto. Magari si incrociano dei pedalò spregiudicati, come quello che si è ribaltato (senza gravi conseguenze, per fortuna), mentre passavamo, ma nulla di più.
Da lì, poi, raggiungere il Galoppatoio è un gioco da ragazzi. C'era la festa per la giornata dello sport e la presenza graditissima del Sindaco che ha ringraziato tutti i presenti e prospettato nuovi progetti per il futuro di Roma, in modo da rendere questa città non solo la più bella al mondo (lo è già, in fondo), ma anche la più piacevole e vivibile possibile.
E tutte queste manifestazioni, tra l'altro, sono parte di questo spirito. Abbiamo trascorso una mattinata piacevolissima in mezzo a persone che condividono la stessa passione. Un modo davvero intelligente per fornire un valore aggiunto di inestimabile valore alla città stessa: il sorriso ed il benessere dei suoi abitanti.

Flavio

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco