scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

10.11.2006 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                 c'era una volta

Quanto eri bella Roma

La cosa che mi è cara ricordare e' quando bambino intorno agli anni del dopoguerra, Roma era una fonte di improvvisati mestieri.
Nella mia infanzia sognare era ancora lecito: la televisione era quella della mia vicina di casa, il calcio solo una voce che veniva da una grossa scatola di legno.
Si poteva ancora fare il bagno alla "marana". Le macchine passavano ogni tanto.
Andavamo a rubare le nespole al campo del contadino, suonavamo ai portoni e scappavamo felici,
Il sabato si andava a fare la doccia nei bagni pubblici.
La fame aguzzava l'ingegno e vivere di espedienti era all'ordine del giorno.
Ero affascinato dai pittori dei marciapiedi, li chiamavano.. i madonnari.
dipingevano sui marciapiedi con gessetti colorati delle stupende figure,
aspettando che i passanti gli gettassero a terra dei soldini per poter mangiare.
Nella mia via passavano carrettini con venditori di cozze, te le apriva e con un po' di limone le mandavi giù buonissime, se lo facessero oggi credo che dopo averla mangiata cruda fai tre passi e muori.
 

C'era una volta un mondo fantastico.. un mondo che non tornerà più. Ricordo la prima volta che sono andato al circo, era uno di quei piccoli circhi di periferia con i carrozzoni angusti e stretti,  con le ruote di legno e tende logore alle finestrelle, con un vecchio camino di latta sul tetto dal quale usciva un filo di fumo bianco.
Ricordo l'odore delle salsicce che qualcuno fuori dal carrozzone cuoceva sulla brace e che si mischiava al forte fetore degli animali.
Allestivano lo spettacolo sistemando i carrozzoni in circolo per la pista,
il palco era fatto con delle panche messe in fila una dietro l'altra.
I nomi erano i più disparati: Il circo di Oz.. magia del trapezio... il vero mangiafuoco...
Guardavo estasiato quegli uomini che dondolavano goffamente sul traballante trapezio e sognavano di diventare famosi trapezisti per i grandi e celebri circhi.
Un centurione romano con le vesti sdrucite e unte fungeva da domatore di leoni interpretati da guitti con la pelle finta sulle spalle.
Un vecchio strumento stonato sparava fuori una gracchiante musica
che accompagnava i loro buffi esercizi.
Per far presa sul "pubblico" in mezzo alla pista c'era un ragazzino che faceva i salti mortali, mentre un omone grande e grosso ingurgitava da una bottiglia un liquido oleoso e sputava fuoco avvicinandosi una piccola torcia alla bocca.
Una bambina girava con un vecchio e stanco somarello, chiedeva 100 lire e ringraziava togliendosi il cappellino di paglia.
L'uomo forzuto con una catena sul petto ( con un anello finto ) che sforzandosi e gonfiando il petto sembrava spezzare la grossa catena.
Carini, simpatici, facevano tenerezza, chiedevano un applauso ed erano felici così.

Nella mia mente tornano ricordi sfuocati... un uomo a petto nudo che si faceva mettere un pesante sasso sul ventre ed un altro che fendeva colpi da abbattere un bue fino a spaccare l'enorme mattone, mentre la gente gridava "basta! che lo ammazzi".
Un pagliaccio con abiti strappati entrava in pista suonando una stridente tromba, un ragazzetto che faceva il salto mortale da due metri di altezza e cadeva su di un materasso unto e sporco sollevando una nuvoletta di polvere, la gente incantata rideva ed applaudiva.
Chiedevano solo di divertirci, perché le nostre risate e i nostri applausi erano la loro vita.
Immagini del passato, immagini di gente che cercava di portare stupore tra il "pubblico".
Immagini del lanciatore di coltelli che erano vecchie posate di cucina.
Immagini che le generazioni di oggi e quelle future non vedranno mai.

Quando sento un organino che suona dico a me stesso....
vorrei tornare a quel periodo solo per un giorno.

ciao ciao
Ubaldo detto Duccio

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio