scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

12.12.2008 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                         soggettive

Come in un terribile film catastrofico

Se agli inizi del '900, parlando di cinema, noi avessimo fatto come gli americani, avessimo cioè pensato di fare del cinema un'industria, avremmo esplorato molti più generi tra cui anche quello "catastrofico" che avrà prodotto anche tanta immondizia ma che non si può condannare in blocco, se non altro perchè nella catastrofe vengono fuori le parti migliori degli uomini, la solidarietà, il senso di partecipazione. E queste sono cose buone da ricordare e da insegnare.

Noi siamo fra l'altro un popolo "de core", basta ricordarsi cosa è successo a Firenze nel '66 o a Napoli nel '80.

Questo pensavo guardando il fiume stamattina in giro a fare foto. Ancora non sapevo della gravità della cosa, ancora non sapevo della tristissima morte della signora Bruna a Monterotondo dove un sottopassaggio si è trasformato in una trappola, in un tubo pieno d'acqua (la foto fa impressione, un tubo a sezione quadrata, una trappola, ma come si può...), ancora non sapevo delle famiglie evacuate a Tivoli, dei vigili del fuoco arrivati da tutte le regioni intorno, degli operai isolati a ponte Mammolo....

Ecco la cronaca e ditemi se non è peggio di un qualunque film catastrofico.

 

10.00 Piazzale Clodio completamente allagato

10.40 Lungotevere completamente bloccato
Un unico serpentone di auto ferme su tutta la via, da Testaccio a piazza del Popolo. La fila si allunga adesso su via della Magliana. L'appello del sindaco, del prefetto e della protezione civile: se possible, lasciare le auto a casa

11.20 Bloccata la Fr1 Orte-Fiumicino
La linea Fr1 Orte-Fiumicino aeroporto è bloccata tra Settebagni e Tiburtina a causa dell'allagamento di tutta la sede ferroviaria. I treni, che viaggiano a 30 km orari, sono deviati sulla linea direttissima Firenze-Roma. Tecnici al lavoro. Sono stati istituiti bus sostitutivi a Settebagni, Monterotondo e Tiburtuna.

11.30 Centinaia di persone evacuate a Ostia e Fiumicino
Già partite le prime evacuazioni: all'Idroscalo di Ostia 100 persone sono state trasferite negli alberghi individuati dal comune di Roma, e per altre 400 si preannuncia la stessa misura. Anche ad Albuccione (Tivoli) è stato chiesto al sindaco di far evacuare le case più vicine all'Aniene. Una situazione altrettanto critica è stata segnalata al passo della sentinella nel
comune di Fiumicino. Anche in questo caso si procederà con le
evacuazioni delle case.

 

12.05 Donna incinta bloccata in auto alla stazione Tiburtina
Vigili urbani e uomini della protezione civile sono impegnati nel soccorso di una coppia di coniugi, lei al settimo mese di gravidanza, rimasti bloccati in macchina sommersa da un metro di acqua nel sottopasso che immette nella stazione Tiburtina.


12.08 Villa Pamphili allagata
Una parte di Villa Pamphili si è allagata trasformandosi in un grande lago, allagata anche via Vitellia che costeggia la villa. Bloccati i residenti fino a questa mattina nelle loro abitazioni. Dalle 6, nella zona tra via Vitellia e via Pio Foa, manca la corrente elettrica e di conseguenza il riscaldamento in
abitazioni, negozi e bar.

12.22 Donna in ospedale per congelamento
Una donna di circa 30 anni è stata trasportata in codice verde al Policlinico Sant'Andrea con evidenti sintomi di congelamento dopo aver trascorso la scorsa notte in un rifugio per cani in via Settebagni, una delle zone più colpite dal nubifragio. La donna non ha voluto lasciare soli i cani, terrorizzati dai lampi e dai tuoni del forte temporale che si è abbattuto la scorsa notte nella Capitale. Tutta la zona del rifugio, che si trova nella periferia nord di Roma, a causa del nubifragio, si è trasformata in un
acquitrino e la donna, che soffre anche di asma, ha trascorso molte ore con le gambe immerse nell'acqua gelida restando quasi paralizzata. Il personale del 118 l'ha quindi soccorsa e trasportata in ospedale.

12.30 TIBURTINA, SALVATA LA DONNA INCINTA
È stata liberata la coppia di coniugi, lei al settimo mese di gravidanza, rimasta incastrata nella propria auto sommersa da un metro di acqua nel sottopasso che immette nella stazione Tiburtina. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, vigili urbani e uomini della protezione civile che sono riusciti a trascinare la macchina fuori dal sottopasso e a liberare i coniugi.

13.22 Operai bloccati in azienda, tra loro una donna incinta
Venti operai, tra i quali una donna incinta, sono bloccati da tre ore in un'azienda di arredamenti, a Roma, in via di Scorticabove, sulla via Tiburtina, rimasta completamente allagata. Nei locali della fabbrica l'acqua ha raggiunto quota 1 metro e 20 centimetri. Lo riferisce il titolare dell'azienda Fabrizio Pizzetti. Un elicottero dei vigili del fuoco sta tentando di soccorrere i dipendenti dell'azienda.

13.29 Tevere in piena, domani previsti livelli allarmanti
Preoccupa la situazione del Tevere in piena come l'Aniene. Per domani è prevista l'ondata di piena in città e per ora si segnala una situazione di preallarme. Per questo motivo è già in parte iniziata l'evacuazione delle abitazioni presso la foce del Tevere all'Idroscalo ad Ostia mentre tra 24 ore si provvederà all'evacuazione a Passo della Sentinella nel comune di
Fiumicino. I tecnici dell'Agenzia regionale per la difesa del suolo di Roma (Ardis) registrano un incremento crescente del livello dell'acqua del Tevere che aumenta di ora in ora. In particolare per quanto riguarda l'altezza delle acque l'idrometro di Ripetta stamani ha segnato un'altezza di 11 metri e 13 centrimetri. L'Aniene, invece, ha raggiunto una quota idrometrica pari a 6 metri e 32 centimetri all'altezza di Ponte Mammolo.

13.33 Treno fermo sulla metro A, la situazione ora è rientrata

Per venti minuti un treno è rimasto fermo all'altezza della stazione di Cipro. Il servizio è appena tornato regolare.

13.38 Fatebenefratelli: tre metri di sicurezza da Tevere
Sono tre i metri di sicurezza che dividono le acque del Tevere dai locali dell'ospedale Fatebenefratelli di Roma. Ad affermarlo è Maurizio Caporilli, responsabile del servizio tecnico dell'ospedale sull'Isola Tiberina, che, viste le piogge torrenziali sulla Capitale, rassicura i cittadini, i pazienti della struttura e i loro familiari: "Al momento non esiste alcun pericolo allagamento. E poi l'ospedale è attrezzato ad affrontare queste emergenze, grazie ad apposite 'scatole stagne', dove sono dislocati i servizi più importanti".

14.00
Cento persone isolate per esondazione Aniene
A quanto si apprende, un centinaio di persone sono rimaste isolate a Ponte Mammolo, nella zona industriale sulla Tiburtina, a Roma, per l'esondazione dell'Aniene. Per recuperarli stanno operando circa una trentina di vigili del fuoco, intervenuti anche con due elicotteri e un mezzo anfibio. La situazione è comunque sotto controllo.

14.22 Scorticabove: salvate 15 persone tra cui donna incinta

Quindici persone, tra le quali una donna incinta rimaste bloccate in un laboratorio di via di Scorticabove sono state salvate dai vigili del fuoco intervenuti con mezzi anfibi e con un elicottero e medicati dai sanitari del 118. il locale era stato sommerso da oltre un metro di acqua. Il 118 ha organizzato in zona due punti di raccolta, uno in via Pieve Torina e l'altro in un centro sportivo vicino. Quattro le persone trasportate in codice verde
all'ospedale Sandro Pertini, tra le quali la donna incinta, solo per accertamenti. Gli altri sono stati medicati sul posto.

14.50 CGIL sospende sciopero trasporti

Il segretario della Cgil, Guglielmo Epifani, ha telefonato al sindaco di Roma, Gianni Alemanno, comunicandogli che, per la città di Roma, è stato sospeso lo sciopero nel settore del trasporto. Il Sindaco ha ringraziato Epifani per la collaborazione in questo momento di particolare disagio per tutta la cittadinanza. Lo rende noto l'Ufficio stampa del Campidoglio.

15.02 Allagate le teche Rai
I violenti nubifragi che si sono abbattuti in nottata sulla Capitale, hanno provocato allagamenti anche nel centro Rai di via Salaria che ospita le Teche dell'azienda. I vigili del fuoco dalla mattinata sono al lavoro per estrarre l'acqua entrata negli uffici che ospitano i preziosi archivi dei filmati di tutta la storia del servizio pubblico. L'attività delle Teche, e quindi la consultazione degli archivi, è stata momentaneamente bloccata per tre giorni, il tempo che occorre per capire se attrezzature e archivi hanno subito danni seri.

15.30 Tivoli, sessanta famiglie a rischio
È "allarme rosso" a Villanova di Guidonia (Tivoli) dove in via Rattazzi il livello dell'acqua ha raggiunto i 60 centimetri. Le abitazioni di circa 60 famiglie sono allagate fino a tre metri di altezza per l'esondazione del Fosso dei Prati, un corso d'acqua naturale con un apporto idrico aggiuntivo di 4.000 litri giorno che provengono dall'estrazione di travertino. Una donna di 40 anni è stata ricoverata all'ospedale di Tivoli per numerose contusioni che si è procurata cercando di sfuggire alla forza dell'acqua.

15.48
E nella giornata più difficile è protagonista il gommone
Molti i soccorsi dei vigili del fuoco oggi a Roma sono stati fatti grazie ai gommoni. Nella zona del Tiburtino e in tutta l'area dell'Aniene alcuni capannoni industriali sono stati parzialmente invasi dall'acqua. Il personale dei vigili del fuoco è intervenendo anche con dei gommoni per mettere in salvo alcune persone rimaste bloccate. L'Ares 118 ha allestito, all'interno di uno dei capannoni, una struttura per l'assistenza medica anche se in base a quanto si apprende non si segnalano feriti. Il personale del 118 sta distribuendo coperte termiche alle persone
soccorse. A Trigoria i pompieri a bordo di gommoni hanno sgomberato gli abitanti bloccati in alcune ville completamente allagate.

Dalle 24 alle 8 di stamani sono piovuti a Roma 86,5 millimetri di
pioggia che corrispondono a 86,5 litri ogni metro quadrato. Lo
ha riferito la responsabile dell'Osservatorio Meteorologico del
Collegio Romano, Franca Mangianti. "Nel mese di dicembre -
spiega l'esperta - normalmente cadono 76 millimetri di acqua:
in otto ore sono caduti 10 millimetri in più della media del mese
di dicembre. Dall'inizio di dicembre fino ad oggi sono caduti,
inoltre, 142 millimetri e, considerando che mancano ancora
venti giorni alla fine del mese, è piovuto già quasi il doppio
rispetto alla media del mese".

16.15 Vigili si tuffano per salvare due persone nel sottopasso dell'Eur
Non hanno aspettato l'arrivo dei mezzi anfibi e si sono tuffati in due metri d'acqua nel sottopasso dell'Eur, zona sud di Roma, per salvare due persone rimaste intrappolate nelle loro auto. I vigili hanno deciso di tuffarsi quando si sono resi conto che aspettare i mezzi di soccorso avrebbe potuto mettere in pericolo la vita di quelle persone. "Davvero un grande senso del dovere" ha commentato orgoglioso il comandante dei vigili del fuoco di Roma Guido Parisi. Circa 40 persone sono state tratte
in salvo a Ponte Mammolo, dopo l'esondazione dell'Aniene, con l'ausilio di due elicotteri dei vigili del fuoco del comando provinciale di Roma.

16.40
Piena Tevere a 11,5 metri, massima allerta
"Da stanotte registriamo una piena eccezionale, che non si registrava da parecchi anni, proveniente dall'Umbria che riguarda il Tevere e i suoi affluenti, in particolare l'Aniene. Al momento la piena del Tevere è a 11,5 metri. Un dato che non crea allarme ma richiede la massima attenzione". Così il prefetto Giuseppe Pecoraro al termine della riunione del comitato operativo della Protezione civile sul maltempo. Il prefetto ha sottolineato come si monitorerà l'andamento della piena, ovvero se tende ad incrementarsi o a ridursi e, nel primo caso, "saranno prese ulteriori misure". "Al momento - ha comunque sottolineato - non c'è una situazione di allarme. In serata avremo un dato più corretto anche in considerazione che le piogge tendono a diminuire".

16.30
Domani evacuazione della foce del Tevere

Cresce ancora il livello del Tevere e massima è l'attenzione nella zona di Orte, dove si trova in questo momento la piena. Lungo corso del Tevere rimane l'allerta per le prossime 24 ore mentre resta critica la situazione anche alla foce: all'Idroscalo e Passo della Sentinella. Per questo, scrive la protezione civile regionale, nella riunione di questa mattina si è deciso che entro le prime ore di domani i due abitati dovranno essere  sgomberati. Sul litorale romano interventi anche a Focene e Ostia Antica. Resta attivo 24 ore su 24 il numero verde della protezione civile regionale 803 555.

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio