scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

22.01.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                         soggettive

Operazione decoro urbano

 

Veltroni lo ha chiesto alla stampa e noi lo facciamo: pubblicare la lista di chi ha affisso abusivamente manifesti: quelli che attaccano dappertutto, compresi i pali degli autobus. Ma "quelli", non sono i ragazzi spesso immigrati e altrettanto spesso clandestini, ma le aziende che li incaricano di attaccare ovunque ci sia posto con risultato di una città "sporca".

E così sottopassi, piloni della sopraelevata, pali degli autobus trattati come bacheca (a parte che ci si chiede: ma serve? chi è che csi rivolge ad una agenzia, vota un candidato per aver visto un manifesto passando sotto una tangenziale? Posso essere ottimista sull'uomo e credere che non sia così arreso da reagire a messaggi che sono una persistenza retinica? bho? sarà che io non sono una consumatrice ma una che bada al prezzo più che alla griffe...

 

I dati su quanto costa ripulire la città dagli "abusi della comunicazione" sono raccapriccianti, se si considera che è denari pubblico che potrebbe essere meglio speso.

Eccoli, i dati. 

 

Ed ecco le battaglie vinte: in città non ci sono più gli ingombranti cartelloni 6x4, i sottopassi di Muro Torto non sono più la bacheca dei partiti (più o meno tutti), grazie al progetto di una cooperativa sociale, i piloni della tangenziale alla stazione Tiburtina, a Ponte Mammolo, a Spinaceto, , ala Magliana, sulla Pontina, a San Lorenzo, a via Prenestina, non solo sono stati ripuliti dal pactwork, ma non sarà mai più possibile attaccarci nulla.

 

Ma ecco anche le aziende "mascalzone", quelle che Veltroni ci ha detto di rendere note, cosa che facciamo volentieri davvero.

01 - 02 - 03  - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09

 

E per il futuro, dice sempre il sindaco, è finita la pacchia. Intanto la multa, che è molto molto alta, non la prende più l'esecutore dell'abuso ma il "mandante" il quale paga anche le spese di pulitura; inoltre potranno fare multe anche gli operatori delle squadre preposte alla pulizia e questo garantirà un maggiore controllo del territorio.

E si chiede ai cittadini di collaborare, non solo con le piccole cose da farsi per il decoro (cacca dei cani carte per terra, cicche...) ma anche segnalando gli abusi allo 060606 che metterà subito in contatto con l'ufficio decoro.

 

ac :)


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio