scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

venerdì 15 giugno 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                             dove siamo?

 

Il posto merita un piccolo aiuto:

quello in fondo non è il proseguimento dei binari, è un portone metallico che fa effetto specchio.

 

E veniamo alla soluzione della settimana scorsa

 

Vediamo un po',,,,,, mhhhhhh, mhhhhhh, siamo a Trastevere, credo......diciamo PORTA SETTIMIANA??
che ho vinto?

 

Claudio, che hai vinto...

hai vinto il piacere di avere riconosciuto un angolo di Roma che tutto sommato è abbastanza inconsueto.

Sì, perchè se ci facciamo caso, il medioevo a cui ci riportano le merlature ghibelline, architettonicamente parlando, a Roma è stato cancellato dalle grandi architetture e dai nuovi assetti barocchi, necessari in epoca di Controriforma a dare magnificenza alla Chiesa di Roma.

 

Porta Settimiana è molto antica anche se il suo aspetto attuale è frutto di una ristrutturazione voluta da papa Pio VI nel 1798. Dando credito ad una citazione di Tito Livio, potrebbe risale ai tempi dei re di Roma ma a quei tempi su quel lato del Tevere non esisteva ancora una cinta muraria che fu costruita solo nell'87 a.C.

E anche su questa cinta, forse si trattava di una semplice posterula.nei pressi della quale forse si sono incontrati Cinna e Mario durante la guerra civile.

 

Sicuramente diventa parte delle Mura Aureliane edificate nel 270 d.C. e in epoca cristiana diventa l'inizio del rettifilo (via della Lungara) che da Trastevere conduce alla Porta di Santo Spirito sulle Mura Vaticane e di lì a San Pietro.

 

Accanto alla porta c'è la casa con giardino della Fornarina; Margherita Luti, chiamata così perchè figlia di un fornaio trasteverino, la donna amata da Raffaello. Tanto amata che quando non riusciva a vederla non riusciva a lavorare; tanto che Agostino Chigi per cui Raffaello stava lavorando, dovette invitarla a stare a palazzo pdrchè l'artista potesse finire il lavoro. Dal celebre ritratto che si trova alla galleria di palazzo Barberini e dove la Fornarina porta un anelo all'anulare sinistro, uno studioso  ha avanzato l'ipotesi che Raffaello l'avesse sposata di nascosto. E deve essere stato un grande amore perchè la fornarina dopo la prematura morte dell'artista, pare si sia chiusa al convento di Sant'Apollonia  in Traste4vere.

I grandi amori di un tempo....

 

Da molto tempo la casa della Fornarina è diventato un celebre ristorante, Romolo che dagli anni '50 è punto di incontro di pittori, artisti e politici da tutto il mondo. Il libro delle firme è una vera chicca. Molto bello e romantico mangiare in giardino; forse non è proprio economico ma... per una volta...

 

angela :)

 


accade a Roma


percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema