accade a Roma


percorsi

dove siamo?

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

sabato 25 agosto 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                               dove siamo?

Cosa sarā? Un antico acquedotto, forse? E come mai quella ringhiera forse metallica in cima?

E dove sarā mai?

 

 

Dove eravamo?

Eh... Non era facile anche se appena leggerete, tutti scoprirete che ce l'abbiamo avuto sotto il naso tante e tante volte, tutte le volte che siamo andati da ponte Garibaldi a Ponte Sisto.

E' uno dei due villini su Lungotevere dei Vallati, attualmente (anche se da poco) sede dell'Ordine degli Psicologi di Roma, poco dopo, andando verso Ponte Garibaldi, della fermata dell'autobus di Ponte Sisto, al civica 18 e 19.

Un raro esempio di quell'architettura eclettica che fu il divertissement della fine dell'800 dopo il neo classico: fu neogotico, neoromanico e, per questo villino in particolare, una specie di neo-veneziano che a sua volta era stato, nel 12° secolo, una sintesi felice di gotico e bizantino contaminato dalle influenze arabe. Non a caso questo villino ricorda, in piccolo e senza cromatismo, l'Hotel Excelsior del Lido di Venezia, costruito agli inizi del '900, che a sua volta ricorda il Fondaco dei Turchi che, restauri ottocenteschi a parte, č invece autenticamente del 13esimo secolo.

 

A Roma di questa architettura fatta di tecnologia (si cominciava ad usare il ferro) e di citazioni, l'esempio pių bello č il quartiere Coppedč insieme a quella stranissima, improbabile, chiesa gotica tutta bianca su lungotevere Prati.

 

Il nostro villino, di cui non si hanno particolari notizie, risale comunque, evidentemente agli ultimi decenni del 1800, quegli anni in cui i lungotevere erano stati giā costruiti e si stava costruendo, lė vicino, Ponte Garibaldi.

 

 

In quel punto di Roma, pochi anni prima, c'era la spiaggia della Regola, che dava il nome a tutto il Rione.

 

Confesso che l'ho scoperto solo quando ho cominciato a passeggiare su Lungotevere.

 

 

angela :)