accade a Roma


percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

venerdì 21 settembre 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                               dove siamo?

In una Roma tanto sospettosa verso l'architettura moderna, ogni tanto appaiono cose ardite, che osano andare fuori dai canoni rassicuranti della parete liscia in vetro... mi riferisco al buffo coronamento del palazzo.

 

Dove eravamo?

Facile. Eravamo al laghetto dell'Eur e il "disco volante" in fondo è il Palazzo dello Sport, ora Palalottomatica.

L'effetto è dato dal fato che il palazzo sorge su una collinetta.

Lo chiamiamo "laghetto" ma il nome ufficiale sarebbe Parco Lago dell'EUR o anche Parco Centrale del Lago. Ovviamente è un bacino artificiale ed era stato concepito fin dalla nascita dell'EUR nel 1936. E' stato realizzato invece solo nel 1962 dopo una serie di varianti al progetto.

Intorno a laghetto ci sono molti sakura, i ciliegi giapponesi, donati all'epoca dalla città di Tokio che a marzo fioriscono. La fioritura dura poco tempo ed è seguita da una romantica pioggia di petali trasportati dal vento. Il fiore del Ciliegio, la sua delicatezza, la brevità della sua esistenza sono per i giapponesi il simbolo della fragilità, ma anche della rinascita, della bellezza dell'esistenza e la fioritura è occasione di festa: si chiama Hanami e si festeggia anche qui al laghetto dell'EUR.

Bella la prospettiva del lato corto del laghetto chiuso dalla torre dell'ENI.

 

Il Palazzo dello Sport è uno dei (troppo pochi) gioiellini dell'architettura contemporanea a Roma.

E' stato progettato da Marcello Piacentini (architetto) e Pier Luigi Nervi (ingegnere) nel 1956 e terminato nel 1960 per le Olimpiadi (il CIO aveva scelto Roma nel 1955). Solo 4 anni.

Nel 2009 sono terminati i lavori di ammodernamento finanziati dalla Lottomatica che a avuto l'impianto in concessione fino al 2012 ed ecco spiegato il mistero di cambio  del nome anche se i romani sono restii alle nuove nomenclature (vedi Galleria Colonna - Galleria Alberto Sordi)

Il Palazzo dello Sport è realizzato in cemento armato, le pareti esterne sono in cristallo, le gradinate (è un moderno anfiteatro) contengono 12mila posti. E' completamente condizionato e fu data la massima attenzione alla diffusione della luce

I progettisti pensarono che l'impianto poteva ospitare anche altre attività oltre a quelle sportive e ricoprirono le strutture di materiale fonoassorbente e infatti il PalaSport ha ospitato eventi memorabili tra cui il concerto dei Rolling Stones nel 1970 (12mila spettatori e un incasso di 26 milioni di lire dell'epoca),  quello di Paul McCartney nel 1989, quello di Carlos Santana nel 2003 (primo concerto nell'impianto rinnovato).

Altrettanto memorabile fu il mancato concerto di Lou Reed il 14 febbraio 1975: scontri tra polizia manifestanti che contestavano all’impresario dello spettacolo David Zard di lucrare indebitamente sulla musica e di escludere i meno abbienti. Il concerto fu annullato, ci furono gravi danni alla struttura e i cantanti stranieri per diversi anni si rifiutarono di venire in Italia.

Tra gli artisti più assidui c'è Renato Zero (che è nato e cresciuto lì vicino, alla Montagnola) ma la lista è lunga: i Pooh,  Francesco De Gregori, Bruce Springsteen, Elton John, Bob Dylan, Laura Pausini, i Litfiba e Francesco Guccini... qualcuno di questi si è esibito più di una volta.

E gli eventi politici: il congresso della Democrazia Cristiana del 1976 che confermò la politica del  “compromesso storico”, nel 1986 l’XI congresso della CGIL, che vide le dimissioni dello storico leader sindacale Luciano Lama, nel marzo 1989, sotto la guida del neosegretario Achille Occhetto, il XVIII congresso del Partito Comunista Italiano, nel corso del quale fu deciso di creare un nuovo soggetto politico della sinistra italiana e dal quale prese origine il Partito Democratico della Sinistra.

All'epoca il costo del Palazzo dello Sport fu di circa miliardo e 900 milioni di lire.
 

angela :)

 

 



 

 ng