accade a Roma


percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

giovedì 08 novembre 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                               dove siamo?

Un portale che si apre su un viale alberato...

 

Dove eravamo?

Praticamente a piazza Venezia,

Per la precisione all'angolo con via di San Marco che però sembra una piazza, quella con gli alberi, che ci si passa correndo per andare a prendere il 46 o  il 44 o qualche altro autobus al capolinea che odora vagamente di nafta). Nell'angolo c'è una fontana piccola, a forma di pigna perchè si trova nell'omonimo rione che a sua volta si chiama così perchè proprio in questo rione fu ritrovata una gigantesca pigna portata poi in Vaticano.

La nostra fontanella risale al 1927 e, recita la targa, è opera di Pietro Lombardi.

Ma io so una cosa che pochi sanno: Lombardi era l'architetto che ha progettato la fontana che doveva riportare nel rione il simbolo a cui deve il nome. Ma chi l'ha fatta, chi l'ha scolpita è stato Giuseppe Caroni d professione scalpellino, uno degli ultimi scalpellini di Roma. Peppe lo chiamavano in famiglia E la storia della famiglia meriterebbe un film. Peppe, fin da ragazzino, si era innamorato di una ragazzina. Ma ad un certo punto, dovendo partire per la guerra, disse alla ragazza "non mi aspettare". Lei così fece, si sposò con un altro anche se amava Peppe ma rimase subito vedova. Intanto Peppe si era fatto tutta la guerra e anche la resistenza. e appena tornato a Roma ritrova l'amore della sua vita e da quel momento non si sono mai più lasciati.

Come so queste cose?

 

Dall'inverno passato, vicino casa, a via del Pellegrino 120, hanno aperto un negozio di ceramica e vetro che ha un nome troppo bello: La terra canta.

 

Ho finito per entrare in chiacchiere con Fiorella e Daniela. Daniela lavora il vetro e Fiorella fa ceramica raku e non poteva che essere così perchè Fiorella si chiama Caroni ed è la figlia di Peppe lo scalpellino. E, una chiacchiera dopo l'altra, mi ha raccontato della Pigna e del grande amore dei suoi genitori.

Io nel suo negozio ho visto una cosa troppo bella, una delle ultime creazioni di Fiorella, La nave.

Già così si vede che è una cosa rara. Ma bisogna passarci da via del Pellegrino 120 e se la nave è spenta chiedere a Fiorella o a Daniela di accenderla; perchè la nave è una lampada e dentro quella struttura sottile ci sono piccoli led che cambiano colore.

E' una meraviglia.

Per non parlare dei vetri di fusione di Daniela.

 

angela :)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

     
 


 

 ng