accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la cittÓ futura

c'era una volta

cittÓ del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

ZŔtema

Upter

CittÓ del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

CinecittÓ

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

mercoledý 03 luglio 2013

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                                            dove siamo?

 magnifico centro

 

Dove eravamo?

All'Ingresso del Ministero della Marina su Lungotevere.

Il palazzo fu costruito nel 1911 su progetto dell'architetto Giulio Magni, nipote del Valadier, che attinse al repertorio del liberty, del michelangiolismo e al barocchetto. Insomma un palazzo "eclettico" ma elegante.

L'ingresso su lungotevere venne successivamente arricchito con le ancore di due corazzate austriache: la Viribus Unitis, affondata durante la prima guerra mondiale, e la Tegetthoff, preda di guerra consegnata all'Italia nel 1919. E quella che vediamo sono le catene delle ancore.
Una leggenda metropolitana voleva che le aiuole davanti a questo ingresso fossero trattate con antiparassitari particolarmente nocivi e si raccomandava di passarci davanti in fretta e possibilmente in apnea (che trattandosi di Marina pu˛ anche avere qualche assonanza)). Raccomandazione inutile perchŔ lý davanti non ho mai visto passare nessuno a piedi, tranne me stessa che ogni tanto faccio itinerari inconsueti. In quel pezzo di Roma ci si passa solo in macchina, di corsa e francamente non so quanti si siano mai accorti delle ancore gigantesche e gigantesche catene.

 

angela :)
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ng