accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

mercoledì 17 luglio 2013

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   dove siamo?

 

non sembra la prua di una nave?

 

Dove eravamo?

Sotto la cupola del Pantheon: quella che sembra una maschera sorridente è la luce del foro centrale sui cassettoni della cupola.

Sì, il Pantheon potremmo definirlo "una cupola a cassettoni" e non sbaglieremmo di molto.

A Roma alle cupole siamo abituati. Stendhal ebbe a dire che arrivando, la città appariva come una distesa punteggiata da tenere mammelle.

Ma quella del Pantheon è una cupola molto particolare. Intanto quel foro al posto della tradizionale lanterna. Poi, a guardarla da fuori, per esempio dal Gianicolo, ecco che appare più schiacciata rispetto alle altre.

Il fatto è che il Pantheon è un miracolo di ingegneria dell'antichità.

Quanto è stato edificato ai tempi dell'imperatore Adriano, i romani non conoscevano la tecnica delle cupole che si sarebbe sviluppata soltanto in epoca rinascimentale come evoluzione del sistema pilastro-muro di tamponamento unita al concetto di arco (facciamoci caso: le cupole sono come un insieme di archi posti a raggiera che convergono verso un centro). I romani conoscevano "solo" la tecnica dell'arco che si regge da solo grazie ad una pietra trapezoidale che si chiama chiave di volta e che, incastrandosi, impedisce alle altre pietre di crollare.

Il Pantheon concettualmente è un "arco a forma di mezza sfera" dove la chiave di volta è quell'anello di pietra in un unico pezzo che tiene insieme tutto.

E i cassettoni sono stati l'escamotage per alleggerire la muratura.

Una meraviglia. E questo solo per parlare del sistema costruttivo che ha permesso una "cupola" che tutt'ora la più alta di Roma dopo quella di San Pietro.

Poi c'è la poesia.

Lo spazio interno del Pantheon può contenere esattamente una sfera ed è alla sfera celeste, ai cieli, che pensavano sicuramente gli ideatori visto che questa era la casa, il tempio di tutti gli Dei.

Una meraviglia.

 

Buona visita e un saluto a Raffaello che qui è sepolto.

 

angela :)
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ng