accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

venerdì 27 dicembre 2013

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   dove siamo?

 

 

un castello

 

Dove eravamo?

Al Vittoriano, sulla monumentale scalinata di Piazza Venezia

Io il Vittoriano non me lo sono mai filato troppo e come tanti ho sempre pensato sia un monumento di rara bruttezza, di quelli che lo hanno chiamato "la macchina da scrivere" e mi sono chiesta perchè in quella lontana estate ei mie sedici anni LormaifamosacuginaFrancesca (è diventata personaggio e il suo nome va scritto tutto attaccato) fosse tanto contenta di portarmi lassù sulla terrazza del colonnato e perchè andasse tanto fiera di quel cancello lunghissimo e alto che scompariva nel terreno e quando il monumento veniva chiuso, si alzava. Sì, ovvio, ero adolescente e non percepivo le differenze e quindi il Vittoriano era una meraviglia romana come altre: qui tutto era "grandissimo", il Vittoriano come la fontana di Trevi, come il Colosseo, come il laghetto dell'Eur. Poi, diventata colta e adulta e romana, sono arrivata alla conclusione sinteticamente detta "macchina da scrivere".

E poi... e poi il Vittoriano negli ultimi dieci anni ha ricominciato a vivere e mi sono ritrovata a visitare mostre, attraversare spazi, salire sulle terrazze con il nuovo criticatissimo ascensore. E poi, l'altro ieri, mi sono detta "quant'è che non vengo da sola? E a pensarci bene questa scala monumentale su piazza Venezia forse non l'ho mai più fatta, alle mostre sono sempre entrata dall'Ara Coeli o dai Fori...

Ed è così che cercando la mostra (bellissima) sulla deportazione del 16 ottobre, ho scoperto un Vittoriano che nel frattempo ha aumentato gli spazi espositivi, dove c'è il vecchio Museo del Risorgimento e il nuovo Museo dell'emigrazione... ma soprattutto che, per decreto del presidente della Repubblica, è tutto libero tranne la mostra temporanea-grande evento e l'ascensore alle terrazze e le consumazioni alla caffetteria. Vuol dire che si può girare in tutto il gigantesco palazzo, arrivare alle terrazze, tornare indietro, raggiungere un'altra ala, vedere un'altra mostra temporanea...
 

 

angela :)
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ng