accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

venerdė 27 dicembre 2013

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   dove siamo?

 

 

la grotta del presepe

 

Dove eravamo?

Al Museo Canonica a Villa Borghese, piccolo edificio con una storia insospettabile.

Nel 1600 era "il Gallinaro",cosė chiamato perchč vi si allevavano struzzi, pavoni e anatre per le battute di caccia della famiglia Borghese.

Alla fine del '700 venne ristrutturato assumendo l'aspetto attuale e venne chiamato "la Fortezzuola".

Nel 1929 fu ceduto in uso allo scultore Pietro Canonica, molto famoso in tutte le corti europee prima della guerra del 15-18 e che dopo si era dedicato alle sculture celebrative. Canonica provvide alla sistemazione del fabbricato e alla trasformazione delle stalle in sale espositive. Dopo la sua morte (1959) la raccolta delle sue opere ha costituito il primo nucleo del Museo a lui dedicato. La moglie, scomparsa nel 1987, ha voluto donare al Comune di Roma anche gli arredi di pregio dell’appartamento da loro abitato.

Il museo č uno dei pochi esempi in Italia di "casa d'artista"  e per chi ama la scultura classica ottocentesca e dei primi del 900, il museo č una chicca.

Personalmente suggerisco anche una sosta nel giardino, luogo davvero molto romantico, con la sua bella vera da pozzo, le siepi e le rose... che bel ricordo...

 

angela :)
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ng