accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

venerdì 04 luglio 2014

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   dove siamo?

 

 

un mostro marino

 

Dove eravamo?

Sotto gli archi del Clivio Scauro sul Colle Celio accanto alla Basilica dei SS Giovanni e Paolo.

E già in questi tre nomi c'è tutta la storia di Roma Antica, dalla repubblica alle persecuzioni dei cristiani che precedettero la caduta dell'impero. E vediamo di fare questa passeggiata nella storia.

Il colle prende il nome da Celio Vibenna, il Lucumone etrusco che nel VI secolo a.C. qui si accampò in attesa di conquistare Roma. Tra i suoi soldati c'era anche un certo Mastarna che sarebbe diventato re di Roma col nome di Servio Tullio.

 

Il Clivus Scauri ricalca il tracciato di una antica strada romana aperta probabilmente da Emilio Scauro, censore nel 209 a.C. (e siamo in epoca repubblicana; Giulio Cesare ha ancora solo 9 anni)

 

Gli archi, medievali ma forse anche precedenti, cavalcano la strada e collegano la Basilica dei SS Giovanni e Paolo a altri edifici antichi dall'altra parte della strada. La basilica è sorta sui resti della casa che probabilmente è stata proprio dei due martiri. Questi erano due ufficiali romani, ferventi cristiani, uccisi dall'imperatore Giuliano l'Apostata nel 362 d.C. che li fece seppellire nella loro stessa casa. Martirologio a parte, gli scavi hanno ricostruito che qui ci sono state due case e accanto una insula con portico e botteghe che, aggregando le altre case forse sotto un unico proprietario, diventò una grande domus trasformata successivamente in luogo di culto.

Gli archi, così come sono adesso, non sembrerebbero di collegamento con le proprietà dall'altra parte quano piuttosto di sostegno strutturale del muro della basilica. qualcuno sostiene che furono costruiti già in epoca imperiale per abbellimento. Poichè sembra che fino al '500 fossero sormontati da un secondo ordite di arcate, per capirne la funzione dovremmo vedere come erano.

Ma intanto, a proposito di stessa angolazione, ho trovato queste due foto sul sito www.romaierioggi.it

 

 

ed ecco le foto originali

 

 

Buona passeggiata

 


angela :)
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ng