accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

venerdì 10 ottobre 2014

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   dove siamo?

 

Dove eravamo?

A Porta San Sebastiano, quella che si "apre" sulla Via Antica.

E quello che vediamo è l'incisione raffigurante l'Arcangelo Michele mentre uccide un drago, incisione di epoca medievale, tanto più preziosa perchè di medievale a Roma, dato il furore rinascimentale della controriforma è rimasto ben poco, tanto più preziosa perchè ennesima testimonianza di come la prima cristianità abbia voluto e dovuto prendere possesso di tutti i luoghi importanti del decaduto impero romano, anche se non si trattava di luoghi di culto. Ma questo, Porta San Sebastiano, non era una porta come le altre sulle Mura Aureliane a difesa della città eterna. Eh no. La tradizione voleva che da qui Pietro fosse scappato alle persecuzioni e che sulla via Appia avesse incontrato il Signore, a quel "Domine quo vadis?" che ha ispirato molte cose. Poteva non esserci un angelo? anzi un Arcangelo a custode di questo passaggio così importante?

Forse a lezione di qualcosa, ad Architettura alla Sapienza, qualcosa mi era stato detto ma eravamo tutti più interessati ai volumi, alla funzione sul territorio.

Chi me lo ha fatto notare la prima volta è stato Andrea, intelligente giovanotto milanese (anche molto bello) trapiantato a Roma in cerca di cinema, allievo del mio primo seminario di regia che per il suo corto aveva deciso di riprendere l'arrivo del sole sul profilo della campagna romana e mi aveva chiesto di poterlo accompagnare. Era l'inizio dell'estate, lavoravo fino a notte fonda a "Massenzio cinema", il sole sorgeva presto... Decisi di non andare a dormire. Appuntamento a porta Capena alle 4 del mattino e via in motorino verso l'Appia Antica.  Buio. E Davide, sotto la porta, ferma il motorino e mi dice di scendere a guardare.  E c'era l'arcangelo.

Forse ci ha portato fortuna: le riprese furono belle e a me, appostata in mezzo all'erba alta, non mi ha punto nemmeno un insetto, evento unico nella vita.

 

E qui dove siamo?

 

 

le risposte a

lascatolachiara@hotmail.com


angela :)
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ng