accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

venerdì 06 febbraio 2015

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   dove siamo?

 

Dove eravamo?

Questa meravigliosa parete di rampicante si trova in Monti, a Via Urbana.

e Monti è uno dei Rioni più affascinanti del centro di Roma.

Il nome del Rione deriva dai colli Esquilino, Viminale, parte del Quirinale e del Celio che erano il suo territorio.

In epoca romana la zona era densamente popolata. C'era una parte alta con domus signorili intorno al Vicus Patricius che oggi è, appunto, Via Urbana; e c'era una parte bassa, plebea, spesso allagata dalle acque pluviali argillose che scendevano dai Quirinale, dall'Esquilino e dal Viminale che era la Suburra.

Qui scoppiavano spesso incendi disastrosi tanto che venne costruito un grande muro tagliafuoco per proteggere l'adiacente area dei Fori Imperiali, muro che c'è ancora e fa da quinta al Foro di Augusto.

Monti è stato il primo dei vecchi rioni, dopo Trastevere, a trasformarsi, ad accogliere nuovi abitanti e nuove attività come prima era già successo a tutta l'area pianeggiante del Campo Marzio e probabilmente per questo riesca a mantenere ancora un carattere popolare e familiare nonostante anche qui di romani "de sette generazioni" ne sono rimasti pochissimi.

Da sapere che Monti e Trastevere sono stati sempre rivali, noti per le risse spesso sanguinose fra i rispettivi bulli di quartiere. Ma anche per la bellezza e la fierezza  delle donne.

Tant'è che Sora Menica così recita:

A Roma, a Roma belle le romane

ma so più belle le trasteverine

l'arrubacori so le monticiane

l'arrubacori so le monticiane

 

 

 

E qui dove siamo?
le risposte a
                                   

lascatolachiara@hotmail.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


angela :)
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ng