accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

giovedì 07 maggio 2015

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   dove siamo?

 

Dove eravamo?

Ed ecco le risposte alle tre domande

Eravamo a piazza della Chiesa Nuova, piazza che ci è stata restituita soltanto grazie al Giubileo del 2000 quando è stata liberata dal parcheggio e pavimentata. Per carità, è una piazza per tre quarti, un largo diventato tale agli inizi del 900 con l'apertura di Corso Vittorio. Forse per questo, per un secolo, non è stata considerata più una piazza a tutti gli effetti ed è diventata una sorta di intrico di svincoli per le automobili e di parcheggio intorno ad aiuole tristi e sconnesse. Ovviamente nel 2000 i romani che, da una parte si sono visti privati di parcheggi, dall'altra sono sospettosi delle novità, hanno brontolato subito perchè "adesso ci vengono i ragazzi con gli skate e fanno rumore"; come se non ci fosse Corso Vittorio con il suo di rumore. Poi il tempo aggiusta tutto e a distanza di 15 anni la piazza è vissuta da varia umanità: turisti, anziani che le sere d'estate scendono da casa a prendere il fresco, barboni che preferiscono proprio il piedistallo della statua, gabbiani che puntano i secchioni in cerca di cibo...

La statua è quella di Metastasio. Pure questa una storia! Inizialmente era stata collocata a piazza San Silvestro ma nel 1910, con l'apertura di Corso Vittorio,  fu spostata qui, collocazione filologicamente più corretta visto che il Metastasio era nato a Via dei Cappellari e che all'Oratorio dei Filippini si rappresentavano melodrammi sacri.

 

Il poeta sembra poggiarsi sui libri. Esattamente come fa Niccolò Tommaseo in Campo Santo Stefano a Venezia . E i veneziani, irriverenti spiritosoni, lo hanno chiamato il cacalibri.

Ecco spiegato.

Anche noi il nostro cacalibri.

Veramente questa è una mia personale considerazione da irriverente spiritosona. Non ho mai sentito nessuno a Roma chiamarlo così.

 

 

E qui dove siamo?

 

 


le risposte a
                                   

lascatolachiara@hotmail.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

angela :)
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ng