accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema

 

 

 

giovedì 16 luglio 2015

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   dove siamo?

Dove eravamo?

Sul ponte di Castel S. Angelo. A quell'ora d'estate quando cala il vento e il fiume diventa uno specchio perchè non c'è più nulla che possa increspare l'acqua.

Forse succede lo stesso anche in altre stagioni, ma è solo in questa stagione che l'imbrunire è tardi e quasi tutti a quest'ora, abbiamo smesso di lavorare e possiamo goderci la città. Anche per andare in cerca di un po' di fresco.

 

Questo di Castel S. angelo è un ponte "leggero": tra una balaustra e l'altra, cosa unica nei ponti romani di solito in solida muratura (tranne il recente ponte della Musica), ci sono cancellate in ferro battuto che conferiscono trasparenza e fanno da contrappunto alla solida mole del Castello dall'altra parte. E forse Bernini, restauratore del ponte nel 1668, volle dar leggerezza perchè i suoi angeli potessero essere più vicini al cielo.

 

Il ponte ha una storia lunga.

Insieme all'antico ponte Sublicio, ai ponti Cestio e Fabricio dell'isola Tiberina, e a ponte Sisto, era uno dei pochi attraversamenti possibili del Tevere fino alla fine dell'800.

E fin dalla prima cristianità. è stato il ponte che conduceva i pellegrini in Vaticano.

Infatti qui convergono via dei Coronari, percorsa dai pellegrini che arrivavano da nord ed entravano in Roma da porta del Popolo per fare poi via di Ripetta; e dai pellegrini provenienti da centro che entravano in Roma da porta San giovani oda porta Maggiore o da porta san Lorenzo e che confluivano a Campo dei Fiori e poi a via del Pellegrino e via dei Banchi Vecchi.

Tanto frequentato, ponte S. Angelo, che nel 1450, durante il Giubileo, nella calca morirono 200 pellegrini.

 

Fino all'unità d'Italia che diede il via a grandi lavori di adeguamento di Roma al nuovo ruolo di capitale del paese, ponte S. Angelo rimase l'unica via di accesso diretta al Vaticano.

 

Buona passeggiata.

 

 

E qui dove siamo?

 

                                        
le risposte a
                                   

lascatolachiara@hotmail.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

angela :)
 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ng