02/12/2005       chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                    c'era una volta

 

Amarcord: l’edicola dei giornali

A volte non mi rendo conto di quanto sia emotivamente coinvolgente per me leggere qualcosa che riguarda direttamente anche il mio passato (ahimé, remoto!). Mi riferisco, in questa occasione, alla gradevolissima storia del chiosco di Lauretta, a via Carlo Felice.
Di colpo, mi sono ritrovato davanti agli occhi un altro chiosco, posto a poca distanza: l’edicola dei giornali alla fermata del tram, all’angolo con via Emanuele Filiberto. Nato e vissuto per ventitre anni a poche centinaia di metri da S. Giovanni, per l’esattezza in via La Spezia, praticamente tutta la mia infanzia e la mia adolescenza hanno ruotato attorno a quella grande piazza: la scuola elementare a pochi metri, le enormi navate della basilica utilizzate come rifugio antiaereo nell’estate del 1943, i giardini attorno alla statua di San Francesco, la prima comunione proprio a S. Giovanni, i primi appuntamenti amorosi sul muretto del giardino, soprastante il mercato di via Sannio.
Ho passato ore e ore fuori e dentro l’edicola dei giornali, gestita da Mario Nardi, un poco più grande di me, fratello del mio carissimo amico Adriano (con me nella foto), insieme al quale ho iniziato una bellissima attività sportiva, sconosciuta ai più, il baseball , parlo degli anni ‘48/50. Almeno due volte la settimana ci ritrovavamo all’edicola, in doppio petto e cravatta (noblesse oblige) al posto della tuta, in mano la valigetta di fibra, che all’epoca teneva il posto degli attuali eleganti “borsoni” firmati, il “guanto” appeso in bella vista al manico della valigia. Prendevamo il “tranvetto”delle vicinali per andare a fare allenamento a Centocelle, vicino al campo di aviazione.
Ricordo Gianni, Sandro, Peppe, Cesare, Elio Romagnoli e Franco De Grandis che non giocavano nella squadra ma erano, Franco in particolare, i miei più grandi amici in assoluto. Ogni domenica mattina, insieme a Franco ed Adriano, accompagnavo Elio dal barbiere a pochi metri dall’edicola: si faceva dare una spuntata ai capelli, la “pulitina”, era l’unico fra tutti noi che praticasse questo insolito rito settimanale. Aspettavamo che finisse, chiacchierando con Mario, che dall’alto della sua postazione all’interno dell’edicola e dei quattro o cinque anni più di noi, pontificava su tutto quanto era successo in quei giorni a piazza San Giovanni e paraggi.
Forse proprio tutto quel tempo passato a sfogliare “a gratis” giornali, riviste e fumetti ha fatto nascere in me quell’amore per la carta stampata, che mi accompagna da sempre, che non tradirò mai.
Clapiro
 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco