scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

26.04.2008 

 

 

 

                                                                                             la città del cinema

Era notte a Roma

Nel 1960 Roberto Rossellini  torna a raccontare del tempo dell'occupazione nazista a Roma che avevano ispirato "Roma città aperta", ancora una volta con la sceneggiatura di Sergio Amidei.

E' la storia di tre soldati alleati, un inglese, un americano e un russo, che vengono nascosti nella soffitta della casa di una giovane romana e aiutati dal suo fidanzato che collabora con il movimento clandestino, da una famiglia nobile, da un sacerdote.

A parte la storia e la regia di Rossellini, la bellezza di questo film è nel fatto di svolgersi in un pezzettino di Roma, tra un palazzo povero, un palazzo nobile e un convento intorno a San Salvatore in Lauro (via dei Coronari). Molti interni tra soffitte, cantine e cucine e saloni e loggiati e tanti esterni tutti sui tetti e dai tetti. L'abile sceneggiatura di Amidei, infatti, prevedeva che le vie di fuga fossero, appunto i tetti, passando da un palazzo all'altro come a lui era successo scappando dal tetto della sua casa a piazza di Spagna (cosa che è raccontata in Roma città aperta).

quella fuga qui è ampliata, diventa un modo di percorrere un pezzetto di città.

Ne risulta una visione inconsueta di Roma, guardata dall'alto. E viene fuori il contrasto tra la bellezza della città e della visione e il fatto che questa stessa visione è di chi è prigioniero, di chi ha paura e sta scappando dalla morte.

 

Stupiscono le location, la qualità della città nelle poche inquadrature "a terra", nel vicolo e davanti ai portoni; ho dovuto ricontrollare la data di produzione perchè non mi capacitavo che Roma potesse essere "ancora" così nel 1960 eppure era così: un centro storico, ancora evidentemente povero, molto degradato tanto da sembrare appena uscito dalla guerra. E in effetti, quella zona di Rione Ponte è rimasta così ancora per molti anni, Io ci sono andata ad abitare nel 1984 ed in parte era ancora così. Ma questa è un'altra storia.

 

angela :)


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio