20/11/2005       chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                            soggettive

ER SINNECO DE ROMA
 

 

Abbito a Roma, e sò puro romano.
Scrivo du versetti alla bona.
Faccio pell’età er veterano.
Ciò na moje che tanto m’arintrona.
 

Seguo le storie della Capitale;
L’avvenimenti tra ste quattro mura
E un penziero sempre che m’assale:
“Fa er Sinneco è certo cosa dura!”.

Me piacerebbe dije: “Sinneco mio,
T’abbasta na giornata pe seguire
- Da padre come fa cor propio fijo -
Le mille probbrematiche a nun fenire?”.

Me piacerebbe vede come fai
A risorve tutti sti probbremi;
E quanno che la sera a letto vai
T’inzogni d’avè giorni più sereni.

Da na parte invidio er piacere
De fà da padre a sta Roma bella;
Dall’antra la fatica de dovere
staje cor fiato addosso a sta monella.

Vorebbi tanto strignete la mano.
Aringrazià pe quello che je dai.
Accomiatamme da un bon romano
Speranno sempre che nun te ne vai.

 

enrico maria felici

 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco