29.06.2006             chi siamo scrivici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                         soggettive

FARE DEL BENE PORTA BENE
Italia-Ghana 2-0


Una sfida alla volta č la filosofia del c.t della Nazionale Marcello Lippi, ed č anche un po' la nostra. Piccoli passi per raggiungere un buon risultato. Volevamo ringraziare tutte le decine di persone che ieri sera hanno risposto al nostro invito e puntuali si sono ritrovate davanti al maxischermo a via Monte Zebio per tifare gli azzurri.
Un po' di timore per il buio che tardava a calare (ma poi ci ha regalato uno spettacolo di stelle nel centro della capitale) ed č iniziata la festa. In un clima familiare ci siamo ritrovati appassionati al gioco del pallone, quello lontano dalle parole a perdere della televisione e fatto di gambe, di lunghe falcate e veloci balletti, di fiato e di fatica.
E ci sono stati i gol, due, intensi come le urla di gioia di noi tutti. Si č bevuto, mangiato, un po' tutti si sono immedesimati allenatori e durante l'intervallo ragazzi e genitori hanno tirato qualche calcio al pallone.
Dal canto nostro si č pensato ai "nostri" bambini albanesi, a tutte le volte che insieme abbiamo rincorso una palla sulla terra polverosa,tra l'erba alta o nella sabbia. L'Albania che abbiamo incontrato e che siamo qui a raccontare č quella giovane fatta di ragazzi, di sogni forti e impossibili, di riscatto e volontā, di fatica e impegno. Fatta anche di rabbia, di cattiveria e di ingiustizie, di lentezza e di pigrizia. Paese di contraddizioni ma anche di donne e uomini che verranno e che noi stiamo aspettando.
Mario Sconcerti questa mattina scrive sul Corriere della Sera di una vittoria azzurra "ottenuta non con la sufficienza dei forti ma con il lavorio, la concretezza, l'operositā di chi vuole arrivare ad essere forte", e ci piace pensare che sarā cosė che i bambini di Fushe Mamurras diventeranno ragazzi e poi adulti capaci di cambiare le cose.
Sperando di ritrovarci numerosi ancora sabato 17 giugno sempre alle 21.00 a via Monte Zebio 16.
Adalia, Francesca, Chiara, Francesco, Tiziano, Damiano, Filippo e Giulia.

 

i bambini di Fushe Mamurras
 


accade a Roma


soggettive

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio