scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

martedė 22 novembre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           fuori porta

21 novembre

Venezia: ogni anno il giorno della frittella calda con la nutella

E' cominciato molti anni fa: ero a Venezia per lavoro e ho scoperto il ponte di barche a Santa Maria del Giglio e la sera la processione e le candele accese e le bancarelle con giocattoli e dolci e fra i dolci la frittella calda che all'epoca era condita solo con lo zucchero.

 

Da allora ci sono tornata tutte le volte che ho potuto perchč:

perchč sembra che i veneziani si riprendano la cittā, sembra di vederli finalmente tutti insieme e non isolati fra gruppi compatti di turisti. il 21 novembre il gruppo compatto č veneziano, ad essere spauriti sono i turisti

perchč mi piace che il ricavato dalla vendita delle candele vada al restauro della chiesa

perchč la frittella era buona giā solo con lo zucchero ma da quando la fanno con la nutella č irresistibile.

 

Anni fa ho fatto un corto che č stato la prima sperimentazione di cartOOn: con il gabbiano che attraversava lo schermo e la camera cha carrellava sul quadro di Canaletto

 

Sono partita ieri da Roma ed č stato subito nebbia.

con la nebbia diventa tutto argento e pastello e chi dice grigio č il solito cuoredipietra.

 

Era nebbia anche a Venezia e l'ho considerato un regalo. lo spazio si dilata. E il vecchio nella nebbia spaccava il cuore.

 

Ho deciso che il ponte lo avrei attraversato al buio, io e la nebbia. E ho fatto bene, era bellissimo. Alla Salute la nebbia avanzava sull'acqua del Canal Grande come veli di uno spirito notturno.

 

La frittella mi č sembrata la migliore che io abbia mangiato: morbida, calda, dolce di nutella...

 

Poi, dopo la frittella, č stato come in Mary Poppins: in molti con le scope hanno spazzato via la nebbia e appena spazzata via ecco il sole. Sole pastello di fine novembre.

 

Ho camminato e camminato. perchč qui č freddo, non ti puoi sedere a leggere ma non ti va nemmeno di tornare in albergo, non prima che faccia buio in attesa di andare a cena con gli amici.

Alla fine ho capito che stavo ricucendo la cittā, tutte le calli intorno alla mia vecchia casa di Campo S. Angelo, e poi quella di Campo S. Margherita, e poi Ca' Soranzo, e la Querini Stampalia...

 

Una dipendenza conclamata, la mia da Venezia. Non sono nemmeno troppo originale. spero di poterci tornare prima della Mostra del cinema perchč č fra nove mesi e sarebbe troppo troppo troppo.

 

angela :)

 

festa della salute


accade a Roma


percorsi

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema