scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

12.05.2008 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                accade a Roma

LETTERATURE
7° Festival Internazionale di Roma
Basilica di Massenzio

(Via dei Fori Imperiali)
                                                 20 Maggio - 19 Giugno 2008


“PAROLA, SILENZIO”

Dal 20 maggio al 19 giugno si svolgerà la settima edizione di “Letterature - Festival Internazionale di Roma”, l’evento letterario internazionale che celebra ogni anno la centralità del testo e della parola sul palco dell’incomparabile Basilica di Massenzio al Foro Romano, in compagnia degli autori più interessanti sulla scena mondiale invitati a confrontarsi e pronunciarsi su un tema specifico.

Nato nel 2002, il Festival Letterature ha riscosso un grande successo di pubblico registrando un afflusso eccezionale di spettatori in ogni sua edizione, ed ha ospitato autori di grandissimo prestigio quali David Grossman, Toni Morrison, Gunter Grass, Manuel Vasquez Montalban, Daniel Pennac, Ian Mc Ewan, Abraham B. Yeoshua, Doris Lessing, Andrea Camilleri, Don De Lillo, Susan Sontag, Banana Yoshimoto, Paul Auster, Antonio Tabucchi, Jonathan Franzen, John. M. Coetzee, Carlos Fuentes, Salman Rushdie, Javier Marias, Amos Oz, Nadine Gordimer, Zadie Smith, Gore Vidal, Isabel Allende, E. L. Doctorow, Scott Turow, Roberto Saviano … solo per citarne alcuni.

IL TEMA
Ogni anno gli scrittori partecipanti propongono al pubblico un loro testo inedito scritto appositamente per il Festival sulla base di un tema particolare, diverso in ciascuna edizione: “soli, insieme” nel 2002; “passato, futuro” nel 2003; “reale, immaginario” nel 2004; “paura, speranza” nel 2005; “naturale, artificiale” nel 2006; “vicino, lontano” nel 2007.

Il tema scelto per l’edizione 2008 è “Parola, Silenzio”.
“Parola, Silenzio”: una sfida a spiegare il rapporto tra il ruolo e il valore della parola e quello del silenzio nella nostra vita, nel nostro tempo, e nella letteratura. È stato chiesto agli autori ospiti di scrivere un testo ispirato a questi due termini apparentemente in conflitto, ma che rappresentano elementi imprescindibili nella letteratura. “Scrivere è riconoscere il silenzio come ritmo della parola”, affermava Edmond Jabès, a sottolineare la costante e fondamentale interazione tra parola e silenzio che fornisce linfa vitale alla letteratura. E se le parole possono essere viste come un atto di resistenza al silenzio, come un atto che nega e spezza la stasi del silenzio, al tempo stesso si nutrono di silenzio, come territorio sul quale lo scrittore ricerca la parola.
La parola stessa, per di più, nella società attuale può trasformarsi in un vuoto, uno dei molti rumori della vita contemporanea, degradata a mero “suono”; e il silenzio divenire, per contro, ricco di significati in opposizione a questo flusso continuo e molesto, a una sterilità di significazione dovuta all’ipertrofia comunicativa della contemporaneità.
 

LA FORMULA DEL FESTIVAL
Nelle prime cinque edizioni, la formula delle serate del festival ha sempre visto noti attori della scena cinematografica e teatrale presentare gli autori leggendo brani tratti da loro opere già edite in Italia. Seguiva il reading in lingua madre dei testi inediti da parte degli stessi scrittori ospiti, il cuore stesso della serata, accompagnato da momenti musicali.
Già nel 2007, è stato introdotto un elemento innovativo rispetto a questa formula tradizionale: in cinque delle dieci serate del festival sono state video opere di grandi artisti ad introdurre gli scrittori.
La novità del format 2008 è che sono gli autori stessi protagonisti delle serate a suggerire il mezzo espressivo che introdurrà, accompagnerà o concluderà la lettura dei loro testi inediti, scegliendo tra linguaggi musicali, visivi o teatrali. L’autore potrà quindi indicare i brani musicali che desidera ascoltare e far ascoltare al pubblico, o preferire che siano parti di film, video arte o altro tipo di immagini ad integrare la propria lettura. Potrà in alternativa segnalare brani tratti da un proprio libro già pubblicato in lingua italiana, che un attore o un’attrice leggerà come introduzione.

Quest’anno saranno 36 gli autori che si avvicenderanno nel corso di dieci serate sotto le volte della basilica costantiniana.
Le novità più importanti:
la serata iniziale e quella conclusiva sono due speciali eventi collettivi e tematici.

Martedì 20 maggio il festival apre con "La storia siamo noi", una serata corale dedicata alla storia d’Italia con 13 autori: Giosuè Calaciura, Andrea Camilleri, Leonardo Colombati, Giancarlo Liviano D'Arcangelo, Mario Desiati, Antonio Franchini, Giuseppe Genna, Nicola Lagioia, Helena Janeczek, Laura Pariani, Sandra Petrignani, Laura Pugno, Antonio Scurati.

Giovedì 10 giugno “Massenzio Poesia”: per la prima volta una serata interamente dedicata alla poesia con un progetto realizzato appositamente per Letterature.
Una serata corale, conclusiva del festival che segna l’inizio della presenza della poesia nell’ambito di Letterature. Partecipano in video i due grandi poeti italiani contemporanei Andrea Zanzotto e Alda Merini e saranno sul palco della Basilica di Massenzio i poeti, in ordine di lettura: Antonella Anedda, Milo De Angelis, Silvia Bre, Franco Loi (primo gruppo) Patrizia Cavalli, Valerio Magrelli, Patrizia Valduga, Valentino Zeichen (secondo gruppo).

Le serate del 22, 27 e 29 maggio, del 5 e 10 giugno si svolgeranno secondo il nuovo format coinvolgendo i tre autori italiani Carlo Lucarelli, Massimo Carlotto, Vincenzo Cerami e gli autori stranieri Jeffery Deaver, William Gibson, Joe Lansdale, Nick Hornby e Joseph O’Connor in una performance che unirà in un unico evento vari linguaggi artistici secondo scelte operate dalla direzione artistica d’intesa con gli autori stessi.

Una serata, il 12 giugno, dedicata ai migliori ESORDI dell’anno: uno italiano e uno straniero
Per la prima volta il Festival decide di dare spazio a giovani scrittori esordienti in una serata dedicata interamente a loro. Gli autori scelti sono l’italiano Paolo Giordano, autore del romanzo “La solitudine dei numeri primi” e lo straniero Stefan Merrill Block autore del romanzo “Unforgetting”.

La manifestazione è realizzata con il sostegno del Comune di Roma e con il contributo delle Banche Tesoriere del Comune di Roma: BNL Gruppo BNP Paribas, Unicredit Banca di Roma, Monte dei Paschi di Siena.

L’ideazione e la direzione artistica sono di Maria Ida Gaeta responsabile della Casa delle Letterature di Roma, per la regia di Piero Maccarinelli e la consulenza musicale di Luciano Linzi direttore artistico della Casa del Jazz di Roma.
Organizzazione e produzione sono curate da Zètema Progetto Cultura.
 

LE SERATE
La serata inaugurale di martedì 20 maggio è affidata al progetto "La storia siamo noi", in cui tredici scrittori di generazioni diverse raccontano l’Italia dal 1848 ad oggi: Giosuè Calaciura, Andrea Camilleri, Leonardo Colombati, Giancarlo Liviano D'Arcangelo, Mario Desiati, Antonio Franchini, Giuseppe Genna, Nicola Lagioia, Helena Janeczek, Laura Pariani, Sandra Petrignani, Laura Pugno, Antonio Scurati. I loro racconti fanno parte in un'antologia in uscita proprio nei giorni di inaugurazione del festival presso l’editore Neri Pozza Bloom.
Sono previste immagini e l’intervento musicale della pianista Rita Marcotulli come accompagnamento alle letture.

La serata di giovedì 22 maggio è dedicata al “giallo” con la partecipazione di due maestri del genere.
Il giornalista e giallista americano JEFFERY DEAVER, definito dal Times "il più grande scrittore di thriller dei giorni nostri". Con 20 thriller in 10 anni ha raggiunto le 2.300.000 copie vendute solo nel nostro paese. E’ autore di numerosi romanzi di successo, tra cui Il silenzio dei rapiti, Pietà per gli insonni, La lacrima del diavolo, Profondo blu, ma ha raggiunto un’enorme notorietà con i bestseller che vedono protagonisti i detectives Lincoln Rhyme e Amelia Sachs, in particolare con Il collezionista di ossa, pubblicato in Italia nel 1997, da cui è stato tratto il celebre film con Denzel Washington e Angelina Jolie. Il suo prossimo romanzo, La finestra rotta, uscirà nel maggio 2008 per Rizzoli.
Affermato scrittore di letteratura gialla e noir, CARLO LUCARELLI sa mescolare sapientemente i generi tra loro ottenendo risultati sorprendenti. Ha scritto molti romanzi che sono stati tradotti in diverse lingue e sono oggetto di versioni cinematografiche e televisive, tra cui la recente serie L'ispettore Coliandro. Dopo Almost blue (1997), Il giorno del lupo (1998), L'isola dell'Angelo caduto (1999), Mistero in blu (1999), Guernica (2000), Un giorno dopo l'altro (2000), e tanti altri titoli, è uscito recentemente il suo ultimo romanzo, L'ottava vibrazione (2008), pubblicato da Einaudi Stile libero e ambientato a Massaua, in Eritrea, nel gennaio del 1896. Conduce da alcuni anni in Tv Blu notte, la fortunata trasmissione della RAI dedicata a casi misteriosi e insoluti della storia e della cronaca italiana. Scrive anche sceneggiature di fumetti e soggetti per videoclip.
Sono previste le letture dell’attrice Valeria Solarino e l’accompagnamento musicale di Daniel Angelini, Matteo Agostini, Massimo Costa.

Nella serata di martedì 27 maggio sarà protagonista sul palco di Massenzio l’immaginario e il surreale con due massimi esponenti dei generi “cyberpunk” e “pulp”.
Con l’enorme successo letterario del suo primo romanzo Negromante (1984), WILLIAM GIBSON acquista la fama di leader del movimento Cyberpunk. I temi ricorrenti nei suoi romanzi sono le nuove tecnologie e le loro conseguenze funeste e imprevedibili per la società. La fuga nel mondo della realtà virtuale e il corpo umano che comincia a includere tecnologie meccaniche/cibernetiche. Due dei suoi romanzi sono stati trasformati in film: Johnny Mnemonic, nel 1995, con Keanu Reeves e Hotel New Rose nel 1998, con Christopher Walken, Willem Dafoe e Asia Argento. Tra il 1998 e il 2000 ha scritto due episodi della serie X-Files. Il suo ultimo romanzo Spook Country è stato pubblicato quest'anno in Italia da Mondadori.
Dal suo esordio nel 1980, il texano JOE R. LANSDALE ha pubblicato una ventina di romanzi, scritto più di duecento racconti e diverse sceneggiature per fumetti. Ad oggi è "l'autore underground di maggior successo al mondo" che vanta fan in ogni parte del globo ed è da alcuni considerato l'unico vero scrittore pulp oggi esistente. La sua peculiarità è quella di mischiare diversi generi, dal western all'horror, dal noir alla commedia, scrivendo una storia apparentemente lineare ma in cui inserisce con grande maestria elementi talmente assurdi e paradossali da trasformarla in un carosello di freak danzanti e rotolanti. Lo scorso marzo è uscito in Italia il romanzo Il carro magico (Fanucci 2008) ed è attualmente in uscita – a maggio – La morte ci sfida (Fanucci, 2008).
Ad accompagnare la serata le letture dell’attore Claudio Santamaria e la musica di Martux _ M aka Maurizio Martusciello.

Protagonista della serata di giovedì 29 maggio è uno scrittore italiano tra i maggiori autori europei di gialli.
MASSIMO CARLOTTO ha esordito nel 1995 con il romanzo Il fuggiasco, che racconta la sua latitanza e da cui è tratto nel 2003 un film diretto da Andrea Manni, con Daniele Liotti. Ma il personaggio più conosciuto della produzione letteraria di Carlotto è sicuramente l'Alligatore, alias Marco Buratti, detective privato sopra le righe protagonista di tutta la serie dei suoi romanzi noir. Nel 2001 Arrivederci amore ciao, da cui è tratto l'omonimo film di Michele Soavi. E' anche autore teatrale, sceneggiatore e collabora con quotidiani e riviste. I suoi libri sono tradotti in vari Paesi e molti sono i premi letterari vinti. Il suo nuovo libro Cristiani di Allah (aprile 2008, Edizioni E/O) è un noir mediterraneo ambientato in un’Algeri del 1541, affascinante, sensuale e selvaggia, magistralmente ricostruita nella sua vivacità cosmopolita.
La serata prevede le letture degli attori Massimo Popolizio e Isabella Ferrari e l’accompagnamento musicale di Maurizio Camardi.

Mercoledì 4 giugno è in primo piano la letteratura contemporanea femminile con due autrici di grande interesse provenienti da Spagna e Stati Uniti.
Nata a Kansas City da una tipica famiglia di proletari americani che si spostava da una fattoria all’altra in cerca di lavori stagionali, KATHERINE DUNN è romanziera, poetessa, giornalista, insegnante di scrittura creativa. Il suo romanzo d'esordio Attic (1970) è un riflesso autobiografico del periodo che ha trascorso in carcere per assegni a vuoto. il suo secondo romanzo Truck esce nel 1971. Nel frattempo si appassiona alla boxe e diventa la prima giornalista americana specializzata in pugilato. Tuttora continua a scrivere articoli su questo sport per alcune riviste e lavora ad un libro su questo tema. Tra i suoi interessi c’è anche la manipolazione genetica, tema che tratta nel suo terzo romanzo Carnival Love (Elliot edizioni, 2008), una favola oscura per adulti, un’epopea familiare che supera e ridefinisce i confini dei generi letterari.
LUCÍA ETXEBARRÍA è considerata l'enfant terrible della letteratura spagnola contemporanea. Disinvolta e originale, ha saputo raccontare la vita delle sue coetanee definendo un nuovo stile letterario e ribelle marcatamente femminile. Come suo primo lavoro pubblica nel 1996 Aguanta esto, una biografia di Courtney Love. Il romanzo d’esordio è Amore, prozac e altre curiosità (1997), ma è il secondo romanzo Beatriz e i corpi celesti (1998) a procurarle una grande notorietà internazionale. Con straordinario successo di pubblico è uscito nel 2007 in Italia Io non soffro per amore. A fine maggio uscirà il suo nuovo romanzo Cosmofobia (Guanda) ambientato nel quartiere multietnico Lavapiés a Madrid; un libro polifonico che attraverso le esperienze personali dell'autrice, la vita del quartiere e delle sue donne, racconta il cuore della società contemporanea.
In programma le letture delle attrici Antonia Liskova e Sabrina Impacciatore e l’accompagnamento musicale di Stefania Tallini.

Giovedì 5 giugno saranno gli autori Nick Hornby e Joseph O’Connor ad alternarsi sul palco di Letterature.
La carriera da scrittore del londinese NICK HORNBY inizia nel 1992 con l’uscita del suo primo libro Febbre a 90°, un romanzo in gran parte autobiografico che racconta la sua grande passione per il calcio come tifoso dell'Arsenal. Il romanzo diventa in breve tempo un best seller, viene votato libro sportivo dell'anno nel 1993 e libro sportivo del decennio nel 1995. La consacrazione definitiva arriva però nel 1995 con la pubblicazione di Alta fedeltà, in cui l’autore parla dell’altra sua grande passione, quella per la musica. Nel 1998 pubblica il romanzo Un ragazzo, che gli consentirà di ottenere l'Edward Morgan Forster Award, premio istituito dell’American Academy of Arts and Letters. Tre libri di grande popolarità dei quali vengono realizzate altrettante trasposizioni cinematografiche di successo. Dopo l’ottima performance del libro Non buttiamoci giù (Guanda 2007), è in uscita in Italia il suo ultimo romanzo Tutto per una ragazza (Guanda, 2008).
JOSEPH O'CONNOR, irlandese, comincia a scrivere come giornalista e come autore televisivo e cinematografico. Nel 1989 viene scoperto dalla critica e ben presto diventa uno dei principali protagonisti dell'eccezionale fioritura letteraria irlandese cominciata a cavallo degli anni Novanta. Prima del suo più recente romanzo La moglie del generale (Guanda, 2007), in Italia sono usciti il volume di racconti I veri credenti e i romanzi Cowboys & Indians, Il rappresentante, La fine della strada, Desperados e Stella del Mare che lo ha consacrato definitivamente a livello internazionale ed è diventato un bestseller in molti Paesi. In Gran Bretagna e Irlanda è stato il libro di narrativa più venduto in assoluto nel 2004, rimanendo al 1° posto nelle classifiche di vendita per 35 settimane di fila. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti ed i suoi libri sono pubblicati in 29 lingue.
La serata è accompagnata dalle letture di Giulio Scarpati e dalla musica dal vivo dei Capolinea.

La serata di martedì 10 giugno è interamente dedicata allo scrittore, poeta, autore di testi teatrali, giornalista e sceneggiatore VINCENZO CERAMI. Nel ’76 esce il suo primo romanzo Un borghese piccolo piccolo, portato l'anno dopo sullo schermo da Alberto Sordi per la regia di Mario Monicelli. Ha così inizio una carriera ricchissima e poliedrica tra poesie, romanzi, saggi, testi per il cinema, per il teatro e per la musica. Tra le sue opere narrative ricordiamo i romanzi Amorosa presenza (1978), Tutti cattivi (1981), Ragazzo di vetro (1983), La lepre (1988), Fantasmi (2001) e i volumi di racconti L'ipocrita (1991), La gente (1993) e La sindrome di Tourette (2005). Con Mondadori ha pubblicato L'incontro (2005). Nel cinema, ha collaborato alla scrittura di film con Gianni Amelio, Marco Bellocchio, Giuseppe Bertolucci, Francesca Comencini, Ettore Scola, Roberto Benigni. Il suo ultimo romanzo “Vite bugiarde” è uscito sempre per Mondadori lo scorso novembre.
L’accompagnamento musicale per la serata è di Aidan Zammit.

Giovedì 12 giugno, serata di AUTORI ESORDIENTI: per la prima volta il Festival di Massenzio presenta e lancia i due autori esordienti dell’anno ritenuti più interessanti e validi. I due autori scelti dalla direzione artistica per questo anno sono: l’italiano PAOLO GIORDANO e lo straniero STEFAN MERRILL BLOCK.
PAOLO GIORDANO è nato a Torino nel 1982. È laureato in fisica teorica e lavora presso l'Università. Il suo romanzo d’esordio La solitudine dei numeri primi (Mondadori, 2008) è stato il caso letterario in Italia nel corso dell’ultimo anno. Narra la storia di Alice e Mattia, due adolescenti che frequentano la stessa scuola. Entrambi feriti, segnati da dolorosi episodi dell'infanzia; incapaci di aprirsi al mondo, diventano immediatamente e intensamente amici. Simili e vicini, come due numeri primi, ma irrimediabilmente separati, incapaci di toccarsi davvero. Un romanzo che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza.
STEFAN MERRILL BLOCK è nato a Plano, Texas, nel 1982. Laureato alla Washington University di Saint Louis, nel Missouri, vive ora a New York. Io non ricordo (Neri Pozza), in uscita a giugno 2008, è il suo primo romanzo: la storia di un vecchio e di un ragazzino legati dall’oscuro destino delle loro famiglie e dal sogno di un magico mondo senza ricordi. Un romanzo molto atteso in Italia, che ha già avuto grande successo sulla scena internazionale e annuncia la nascita di un nuovo talento letterario, una di quelle rare opere capaci di fondere scienza, fiaba e narrazione in una scrittura splendida, attraversata da uno humour commovente e dalla forza dell’autenticità.
Sono previste letture di Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni e l’accompagnamento musicale di Alessandro Lanzoni.

Martedì 17 giugno il festival ospiterà il premio Nobel VIDIADHAR SURAJPRASAD NAIPAUL.
Nato in un piccolo villaggio dell’isola caraibica di Trinidad da genitori indiani di casta braminica, nel 1950 si trasferisce, diciottenne, in Inghilterra dove frequenta l'università di Oxford e inizia a pubblicare i suoi primi romanzi. E’ subito elogiato dalla maggior parte dei critici europei per la lucidità con cui definisce i complessi problemi delle società postcoloniali antillane. Ha scritto di schiavitù, rivoluzione, guerriglia, politici corrotti, poveri, oppressi, cercando un’interpretazione alla rabbia così profondamente radicata nelle nostre società. La vita e l'opera di Naipaul è segnata dai numerosi viaggi che compie, alcuni dei quali in paesi islamici, da cui scaturiscono nel 1981 Tra i credenti e, quasi vent’anni dopo, nel 1998, Fedeli a oltranza.
Nel 2001 gli viene assegnato il premio Nobel per la letteratura con la seguente motivazione: "per aver mescolato narrazione percettiva e osservazione incorruttibile in opere che ci costringono a vedere la presenza delle storie nascoste".
L’autore sarà introdotto dalle letture dell’attrice Laura Morante. L’accompagnamento musicale è affidato a Luigi Cinque.

Giovedì 19 giugno, Massenzio Poesia: la serata corale, conclusiva del festival che segna l’inizio della presenza della poesia nell’ambito di Letterature. Partecipano in video i due grandi poeti italiani contemporanei Andrea Zanzotto e Alda Merini e saranno sul palco della Basilica di Massenzio i poeti, in ordine di lettura: Antonella Anedda, Milo De Angelis, Silvia Bre, Franco Loi (primo gruppo) - Patrizia Cavalli, Valerio Magrelli, Patrizia Valduga, Valentino Zeichen (secondo gruppo).
Le letture saranno accompagnate dalla musica dal vivo del pianista Enrico Pieranunzi.

www.festivaldelleletterature.it

informazioni: Contact Center 060608

dove: Basilica di Massenzio, Foro Romano; ingresso Clivo di Venere Felice (Via del Fori Imperiali)
orario: le serate hanno inizio alle ore 21,00. Il botteghino apre alle 19,00. I cancelli aprono alle 20,30
ingresso gratuito: accesso libero fino ad esaurimento posti - Capienza 2000 posti
modalità di accesso: l'accesso avviene solo se muniti di un biglietto omaggio da ritirare al botteghino in Via dei Fori Imperiali.
All'ingresso è possibile ritirare esclusivamente il biglietto relativo alla serata stessa. Per i portatori di handicap sono garantite facilitazioni di accesso e un'area riservata. In caso di pioggia gli incontri si svolgeranno in sedi alternative, indicate di volta in volta.

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio