scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

04.07.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                        for de porta

Le fontanine senesi

Eccomi di nuovo a voi, lettori di Iloveroma, con un'altra serie di curiosità legate alla città di Siena. Questa volta si parla di fontanine.

Come tutti i lettori di Iloveroma sanno, il nostro giornale organizza il premio Fontanella di Roma. Oggi, invece, vi parlo delle fontanine di Siena. La similitudine appare evidente a tutti, credo.

In realtà, la fontanina non è, semplicemente, il luogo da cui trarre acqua o usato per abbeverarsi; tutt'altro. E' parte integrante della vita di contrada. Per spiegarla, però, bisogna fare un passo indietro e parlare delle contrade cittadine.
Tutti sanno che Siena è divisa attualmente in diciassette contrade, resto delle numerosissime che si sono aggregate, divise, create e soppresse nella secolare storia della città. La contrada, per il senese, è molto di più di un quartiere; complice il famosissimo Palio (ma non solo) è una specie di congregazione di mutuo soccorso, di appartenenza; una famiglia molto allargata. Le contrade organizzano eventi, aiutano chi tra gli iscritti abbia particolari necessità, curano la distribuzione degli alloggi popolari o degli aiuti ai più deboli o ai malati, fanno attività formative e culturali. E, buon ultima cosa, preparano ciò che per i turisti è solo una festa folcloristica, ma per loro una vera ragione di vita: la carriera dei due palii annuali. Per riuscire ad organizzare tanti e tali eventi e tenere unito il “popolo” di contrada, tuttavia, sono oggettivamente necessari luoghi, tradizioni e simboli propri della comunità. Così i colori, le bandiere, la sede con annesso museo, la chiesa di contrada (gelosamente custodita dai contradaioli: in tanti anni ho avuto l'occasione di entrare solo in quella del Nicchio, evitando di porvi piede per una forma di rispetto nei confronti degli appartenenti a tale contrada: è un luogo loro, non per turisti), l'oratorio e la fontanina “battesimale” sono posti particolari che riuniscono il popolo di ciascuna zona di Siena attorno ai propri simboli.
La fontanina è, in parte, un simbolo esteriore dell'appartenenza del territorio alla contrada, ma soprattutto il luogo deputato per il “battesimo” contradaiolo, una bellissima cerimonia in cui viene sancita l'appartenenza del battezzando al popolo di quel quartiere. Da quel momento, il fortunato (spesso ancora bambino) entra nel novero del popolo contradaiolo. Verranno seguiti dalle strutture della contrada, potranno partecipare ed organizzare gli eventi esclusivi, si riuniranno per le varie attività, e soffriranno tutti insieme nei giorni dei palii. In pratica, per loro, sarà il primo giorno di appartenenza ad un gruppo ristretto, chiuso e molto fiero delle proprie tradizioni e culture: il popolo della contrada.
Per questo le fontanine sono un luogo importante e ben curato nel territorio. Spesso sono ubicate in luoghi di grande rappresentanza (per esempio di fronte alla chiesa di contrada o alla sede storica), e sono tutte, indistintamente, pregne dell'orgoglio di appartenenza del popolo a quei colori ed a quel simbolo.
Ammetto di non aver avuto occasione di documentarle tutte e 17, ma solo 13; una, la Civetta, non è aperta al pubblico in quanto posta all'interno della sede della contrada stessa, un paio perché troppo distanti dal mio centro d'azione per riuscire a raggiungerle (ma è solo questione di tempo; in futuro potrete osservare anche loro), ed una per... questioni personali. In ogni caso la cifra è più che congrua per caratterizzare le strutture in questione.
Volendole catalogare e riassumere secondo la tipologia, esistono due tipi fondamentali di fontanine: quelle antiche (realizzate secoli fa per altri scopi e non solo come rappresentazione contradaiola) e quelle moderne, costruite, praticamente tutte, tra gli anni '50 e gli anni '70 del secolo scorso.
Al primo gruppo fanno parte quella dell'Oca, quella del Nicchio e, parzialmente, quella del Bruco. Al secondo tutte le altre.
La fontanina dell'Oca è una antica cisterna legata alla Fonte Branda, una delle poche fonti “naturali” d'acqua della città, sopra la quale è stata realizzata una cisterna nel XII – XIII secolo, usata fino a non molti decenni fa come lavatoio da parte delle donne senesi. Quella del Nicchio è la Fonte dei Pispini, una splendida fontana del XVI secolo che ricorda solo vagamente (nella parte più alta) il simbolo della contrada (la conchiglia). La fontanina del Bruco, invece, è composta da due strutture di epoche notevolmente differenti. All'antica vasca costruita attorno alla fonte degli Ovili, infatti, è stata aggiunta nel 1978 la statua di Barbicone, leggendario capopopolo del Bruco che guidò, nel 1371, la rivolta dei Lanini d'Ovile, ovvero dei lanai di quella contrada che, oppressi dal trattamento ai limiti della schiavitù da parte delle autorità cittadine, si sollevarono per avere diritti e trattamenti più umani, uccidendo gran parte dei governanti dell'epoca.
Tra le fontanine “moderne”, invece, possiamo distinguere tre ulteriori tipi: quelle che raffigurano il nome della contrada, quelle che ne esprimono il simbolo e quelle, infine, che ne danno un rimando molto meno esplicito.
Al terzo tipo, ad esempio, potrebbe essere ricondotta la fontanina del Bruco descritta in precedenza (non appare ritratto né il nome della contrada, né il suo simbolo, in ambo i casi un bruco, ma un suo famoso personaggio), come pure quella del Drago, che rappresenta un ragazzo accovacciato che gioca con delle biglie di cui una dipinta dei colori della contrada. L'opera è stata realizzata nel 1977 dallo scultore Vico Consorti. Il richiamo alla contrada, oltre ai colori della biglia deriva dall'iscrizione “L'amore di Contrada per l'arte di Vico Consorti affida ai dragaioli che nasceranno il ricordo dei grandi Priori Mario Calamati e Alberto Rossi” sulla fontana stessa. Un'altra contrada la cui fontanina può essere inserita in questo gruppo è quella di Valdimontone, formata da una vasca che, sulla parete di fronte, ha incastonato lo stemma contradaiolo.
Al primo tipo possono essere ricondotte quelle di Aquila, Leocorno, Lupa e Pantera. Tutte e quattro mostrano i rispettivi animali più o meno stilizzati (per il Leocorno solo la testa) ma sufficientemente definiti da chiarire a cosa si riferiscano. La fontanina della Pantera presenta iscritto anche il motto della contrada.
Al secondo tipo appartengono le opere di Onda, Selva, Tartuca e Torre.
La fontanina dell'Onda mostra uno splendido delfino (assieme ad altri più piccoli con puttini) con al di sotto gli stemmi di contrada. E' stata realizzata nel 1972 ed è, a mio avviso, la più bella di tutta Siena (ma il mio giudizio non conta: sono troppo di parte, troppo legato alla contrada di Malborghetto per poter fornire un giudizio obiettivo). La Selva ha come suo simbolo il rinoceronte, puntualmente raffigurato nell'opera di Vinicio Guastatori nel 1965. La Tartuca presenta uno splendido putto a cavallo di una Tartaruga (simbolo di contrada); l'opera è bronzea, come quasi tutte le fontanine moderne, ed è stata realizzata dallo scultore Bruno Buracchini nel 1951 (la più vecchia tra quelle “moderne”). Infine, la Torre (scusate, anche qui mi rendo conto di essere di parte), presenta a mio modo di vedere la più insignificante tra le fontanine, con l'elefante bronzeo che regge un torrione (simbolo della contrada) solo su un lato di un'opera muraria e di travertino con, tra le altre forme, anche una specie di bastione stilizzato. Sinceramente, è la meno comprensibile (anche meno del Drago) e più dispersiva tra quelle visitate.
Queste sono le fontanine battesimali che ho potuto osservare e documentare. Spero che questa rapida dissertazione possa avervi smosso e fatto decidere (per chi non vi fosse già stato) di recarvi nello splendido capoluogo toscano. Se, invece, non vi ho ancora convinti, non temete: presto appariranno altre notizie e curiosità sulla città: devo riuscire a farvi venir voglia di visitare tale luogo e, come dicevano fino ad un paio d'anni fa e per quasi settant'anni consecutivi i contradaioli della Torre riferendosi alla chimera di vincere un Palio, “prima o poi ce la faremo”. Poi, purtroppo per ondaioli ed ocaioli, non l'hanno più detto...

Flavio

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio