00/01/2006      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


ZŔtema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                            soggettive

Vicini di casa

Non me ne ero accorta fino a quando un collega di lavoro, in un periodo in cui per vicende personali piuttosto turbolente, mi ero ritrovata a girare di casa in casa: lui mi regal˛ un libro di Fruttero e Lucentini, "L'amante senza fissa dimora" e io scoprii l'ebraismo sotto la luce dell'affabulazione e del mito, quello, appunto dell'ebreo errante.

Prima fu il ghetto di Venezia, cittÓ che scoprivo in quei mesi e da cui non mi sarei mai pi¨ allontanata. E da Venezia scoprii, finalmente, che a Roma ero venuta a vivere a poche centinaia di metri dal ghetto, che la merceria, la norcineria, il negozio di scarpe... tutti o quasi tra Campo dei Fiori e via dei Giubbonari, erano negozianti ebrei.

E ho cominciato ad "ascoltare" e ad "entrare in ghetto" come in punta di piedi, come se entrassi in casa di qualcuno; ho cominciato a vedere che al Portico d'Ottavia, nel pomeriggio, succede che la gente scende, si ritrova, che ci sono i nonni che riportano i nipotini a casa, che la gente chiacchiera.

E mi sono accorta che questo succedeva solo qui, al Portico d'Ottavia; che qui non c'era soltanto il senso del "quartiere" ma qualcosa di pi¨ profondo e antico: l'essere parte di una comunitÓ.

 

In quegli anni a Venezia imparavo che per essere amati quando si arriva in una comunitÓ in delicato equilibrio, occorre essere gentili e con il cuore aperto. E Venezia mi aveva accolta come una figlia ritrovata per non lasciarmi mai pi¨.

Mi chiedo se la stessa rispettosa e silenziosa voglia di conoscere mi permetterÓ di sentire al Portico d'Ottavia lo stesso "ciao bella" che sento cento metri prima, cento metri dopo.

c.a.

 

Con affetto e riconoscenza a Leone Pavoncello e a sua moglie del negozio d'angolo fra via dei Baullari e Campo de' Fiori per l'affetto (la pi¨ bella giacca sportiva blu che possiedo), per la simpatia e il calore che hanno voluto darmi in tutti questi anni; per il loro saggio preoccuparsi per la mia salute, per il mio lavoro e per le mie "faccende di cuore"; per il loro "ringraziamo dio"

cerca


soggettive


accade a Roma


la cittÓ futura


c'era una volta


cittÓ del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco