scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

lunedì 06 giugno 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           fuori porta

Il brivido caldo delle ghost-town
Lara Gusatto per Repubblica on-line


Namibia, Usa, Paesi dell'Est, Italia. Alla scoperta dei più famosi e affascinanti insediamenti umani abbandonati, che hanno un fascino speciale. E veri e propri fan club, anche in rete.

 

Miniere di diamanti, d'oro o di carbone esaurite, incendi secolari, scorie nucleari e occupazioni militari, tanti e diversi sono i motivi che portano gli abitanti di una cittadina ad abbandonarla, trasformandola in una città fantasma. Il destino di queste ghost town è legato indissolubilmente alla loro nascita: fondate per la presenza di un minerale e lasciate al degrado del tempo quando questo scarseggiava. Insieme ai cercatori di città fantasma, avventuriamoci tra 10 luoghi spettrali e scopriamo i motivi della loro fine prematura.

 


Kolmanskop: fantasmi di sabbia.

Il deserto della Namibia da una parte, l'Oceano Atlantico dall'altra. In mezzo una cittadina coloniale tedesca e una città fantasma reclamata dalle sabbie. Il teutonico villaggio portuale di Lüderitz è molto pittoresco, ma la ragione principale per visitarlo non sono certamente il caffè, il negozio di artigianato o la pasticceria. L'attrazione del luogo è la vicina Kolmanskop, una città fantasma sorta nel sud della Namibia nel 1908 sulla spinta della febbre dei diamanti e decaduta seguendo la sorte della preziosa pietra. Già nel 1950 il casinò, la scuola, l'ospedale e gli edifici residenziali erano stati abbandonati e le dune cominciarono a ricoprirne le spoglie. Un paio di abitazioni sono ancora in piedi e il teatro è in ottime condizioni, il resto sono fatiscenti rovine conquistate dal deserto. Un ambiente spettrale, soprattutto al mattino, con la sottile coltre di nebbia che si alza dal mare. O se ci si imbatte nel pieno di una delle tremende, famigerate sandstorm (le tempeste di sabbia), che quasi azzerano la visuale. Insomma, se un discepolo di Platone provasse a delineare un'Idea di Ghost Town, probabilmente uscirebbe una strettissima parente di Kolmanskop


 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema