scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

02.10.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          soggettive

Gina cammina e Antonella Toffolo la racconta

Una mostra molto particolare questa alla Casa della Memoria perchč sono esposte le tavole di un fumetto che racconta i piccoli fatti di vita di Gina, bambina durante la Resistenza fra l'Appennino e Firenze.

Mi veniva da dire "avventure" ma nonostante le virgolette che avrei messo, il termine mi č sembrato riduttivo e deviante. Anche se da bambina puō vivere tutto come una avventura e anche se l'avventura non č affatto una cosa leggera, Gina vive piccoli accadimenti straordinari molto profondi: c'č la guerra, c'č un treno con cui bisogna scappare, ci sono i soldati...

Avventura in un contesto cosė č un termine fatuo.

 

La mostra č quindi da leggere oltre che da vedere. Le tavole hanno esattamente la dimensione del fumetto e dunque per seguire il viaggio di Gina bisogna starci vicino, bisogna metterci attenzione. Non č difficile: il segno grafico č "terribilmente" bello: č un bianco e nero tanto duro da sentirne la fisicitā, quasi come se graffiasse: e infatti di graffi si tratta perchč Antonella non lo ha disegnato aggiungendo colore (nero) ad un foglio bianco come faremmo tutti (se sapessimo disegnare) ma ha graffiato via il nero facendo apparire il bianco sotto e delineando le figura per sottrazione. E' una tecnica che si chiama scratchboard.

 

Guardo le note di Antonella: č nata a Milano nel 1961. Come mai, mi chiedo e le chiedo, una bambina del '61 racconta di una bambina del '43?

E Antonella semplicemente mi risponde che Gina era sua madre e che il fumetto č il racconto che la madre le ha fatto da quando era piccola, come fanno le madri, come fanno i parenti, come ha fatto mia madre: gli stessi fatti raccontati mille e mille volte. Per Antonella č successo che anche da grande, ogni anno, sul finire dell'estate, quando i parenti si ritrovavano, si finisce per raccontare di quei giorni e del viaggio di Gina.

 

E' molto bella Antonella, grandi occhi verdi, un look milanese come certi milanesi illuminati e colti sanno avere: baschetto francese, calze elaborate... ricorda, non a caso credo, Valentina di Crepax.

 

Tanto per dirne solo una della sua vita, Antonella fa parte di un gruppo di artisti che si chiama "I cani" e hanno un sito da visitare assolutamente (uso questo avverbio odiosamente inflazionato in via del tutto eccezionale perchč finalmente appropriato): www.arfarf.it 


accade a Roma


soggettive

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio