scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

09.11.2008 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                        for de porta

Il linguaggio degli umani

A Cerenova sono ben pochi i concittadini che non abbiano uno o anche più cani. Anziani, ragazzi, belle signore a passeggio con il fedele amico al guinzaglio e l'immancabile sacchetto azzurrino (meno male!) pronto per le evenienze. Queste quotidiane passeggiate nei prati e parchi della nostra "solare" cittadina diventano poi incontri, scambi di saluti, notizie varie, piacevolezze, narrazione delle prodezze dei nostri amati compagni a quattro zampe.
Franca ed io abbiamo avuto al nostro fianco, per oltre sedici anni, due meravigliosi "trovatelli", Pallina e Pippo. Anzi sarebbe più esatto dire: Pallina e Pippo sedici anni fa hanno adottato due umani, due brave persone tutto considerato...
In questa lunga convivenza con i miei amati cani ho maturato la ferma convinzione che essi, e naturalmente l’intera specie, comprendessero il linguaggio degli umani, in particolare Pallina. Si sa, anche in quella comunità le femmine sono molto più in gamba e ricettive dei maschietti.
Non intendo gli ordini loro indirizzati, formati necessariamente di toni di voce e di suoni sempre più o meno simili e ripetuti e quindi facilmente assimilabili e comprensibili. Parlo di conversazioni tra umani effettuate in loro presenza. Non mi spiegherei se no il fatto che per anni, quando dicevo a mia moglie “Metto in moto il camper così tra poco partiamo” Pallina, che odiava quel mezzo, andava a nascondersi mentre Pippo, amante dell’ “abitar viaggiando”, cominciava a d abbaiare festoso correndo su e giù verso la porta di casa. Oppure quando nasceva tra me e mia moglie una delle tante discussioni, a volte animate a volte meno, immancabilmente Pallina scappava di casa, si rifugiava in fondo al giardino, e tornava solo quando il clima era tornato “vivibile”.
La riconferma l’ho avuta oggi dal racconto di una mia vicina di casa e cara amica, Anna. Una delle sue figlie, Giovanna, ha due simpatici cani, Sethy, maschio, golden retriever, grande e grosso, uno dei cani più docili e buoni che io conosca, sempre pronto come uso della sua razza a portare un dono a chiunque arriva a casa sua, che sia una pantofola, una bottiglia di plastica, al limite un pezzo di carta di giornale, e Fibi (lei non lo sa ma il suo nome si scrive, credo, Phoebe!!) una diavoletta tutto pepe, alta come un soldo di cacio.
Questi due simpatici esseri vivono per parecchio tempo dell’anno, per motivi logistici, presso i genitori di Giovanna, che li amano e li accudiscono come meglio non si potrebbe, ma quando arriva la “mamma”, e questo accade con frequenza, ovviamente per Fibi e Sethy, specialmente lui, le manifestazioni di amore sviscerato non si contano.
Ieri, al termine della visita, Giovanna ha detto che si sarebbe portata a casa Sethy: lei e Carolina, la sua bellissima figlia, avevano troppa voglia di stare almeno un po’con lui. Bene: Fibi (Phoebe) l’ha guardata, ha guardato i “nonni”, poi è saltata su una sedia, ha preso il suo guinzaglio, l’ha deposto ai piedi di Giovanna e si è seduta in terra, guardandola fissa.
Conclusione: grande sorpresa, commozione generale, e naturalmente anche quella diavoletta se ne è tornata per qualche giorno a casa sua.
Claudio

J


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio