scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

venerdì 13 gennaio 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           soggettive

Il meglio è passato

 

Ogni tanto si incontrano libri che fermeremmo il mondo pur di poterli leggere senza interruzioni tanta è la voglia di sapere come vanno a finire e poi, quando li abbiamo finiti, ci lasciano un senso di fame non soddisfatta perché ne vorremmo ancora, come se nel frattempo fossero diventati una droga.

Per me uno di questi libri è stato il meglio e' passato di Antonio Soriero.

 

L'ho iniziato seduta sulla "panca" di palazzo Farnese due giorni fa e ho dovuto interrompere per sopravvenuto freddo: faceva buio, è gennaio. L'ho ripreso stamattina in treno tornando da Maccarese, percorso troppo breve, sono arrivata a San Pietro e mancavano due capitoli, brevi, come quelli di tutto il libro.

Ho sbrigato un lavoretto urgente, ho pranzato velocemente: non vedevo l'ora di scaraventarmi in piazza, possibilmente al sole, per finirlo.

E l'ho finito adesso, qui a piazza Navona.

E in un certo senso sono triste perché dopo un libro così bello e sorprendente, adesso sarà difficile leggere qualcosa di altrettanto stimolante.

Sorprendente e non per i "soliti" motivi che la critica ha già messo in luce: capacita del giovane al suo esordio, argomento tutto romano per uno che vive a Roma in fondo da poco tempo...

Sorprendente nel senso letterale: il libro ha un finale del tutto a sorpresa, nel migliore degli stili fantasy (che io adoro) direi.

E che quindi non posso rivelare.

 

"Bravò" per Antonio che è diventato romano perché evidentemente di Roma si e' tanto innamorato da averne tratto ispirazione. E poiché quella romana non è la lingua madre di Antonio, mi viene in mente che forse ha fatto, per scrivere le battute di alcuni protagonisti, uno studio analogo a quello di Pasolini o di Monicelli. Cinema...

 

Mi verrebbe quasi da proporgli di fare un film... Perché Antonio scrive e suscita immagini, come faceva Dino Buzzati.

Forse e' solo una mia deformazione professionale... No, non credo.

Antonio, lo famo er film?

 

angela :)


accade a Roma


percorsi

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema