scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

mercoledì 07 aprile 2010

           

 

                                                                                                       la città futura

Abbatteremo quel muretto

Sarà abbattuto il muretto che separa l'Ara Pacis dal lungotevere, incanalando il traffico all'interno di un sottopasso che permetterà di raggiungere anche due parcheggi. E' il progetto che il sindaco di Roma Gianni Alemanno, ha illustrato all'Ara Pacis alla presenza dell'architetto che ha realizzato la teca, Richard Meier. "In questo modo interveniamo su tutti gli aspetti - ha detto Alemanno - superando anni di polemiche".

Soddisfatto Meier: "Eliminare il muro è stata un'idea superba: permette di godere della chiesa di San Rocco e dell'Ara Pacis. Avrei voluto presentarlo io un progetto così ma non sapevo che il traffico poteva essere canalizzato sotto e che l'area si poteva pedonalizzare". Lo ha detto l'architetto Richard Meier dopo avere compiuto un sopralluogo all'Ara Pacis assieme al sindaco di Roma Gianni Alemanno. "Il muro era nato solo per dividere l'area dalla strada - ha spiegato Meier - come elemento divisorio. Sono 12 anni che studio il progetto dell'Ara Pacis".

Il progetto consentirà quindi la pedonalizzazione dell'intera area che va da piazza Augusto Imperatore al Tevere con un parco. "Complessivamente diventa un progetto fantastico ed è la soluzione delle polemiche del passato", ha detto Alemanno: "Mettiamo insieme la riqualificazione di piazza Augusto Imperatore, la modifica della Teca di Meier e il sottopasso che permetterà di pedonalizzare un ampio tratto di Lungotevere. Così creiamo una grande zona verde che ci permette di avere un grande contesto in cui insistono opere d'arte diverse, risolviamo in maniera positiva una parte importante della città e contribuiamo alla pedonalizzazione di Roma. Il parcheggio che abbiamo previsto sarà complementare con quello del Galoppatoio". In merito al progetto originale della Teca, più volte messo in discussione in passato, lo stesso sindaco ha chiarito: "Più volte ho detto che la scelta di collocare l'opera di Meier in quel contesto era per me una scelta sbagliata e non lo avrei fatta. Ora creiamo un contesto più armonico, più equilibrato e quindi anche l'aspetto più duro di contrasto di stili si risolve".

Secondo il sindaco "si può puntare anche a fare tutto in diciotto mesi o al massimo entro la consiliatura". "Abbiamo la possibilità di lavorare rapidamente per il sottopasso e sulla riqualificazione di piazza Augusto Imperatore, dove il progetto è già partito - ha aggiunto Alemanno - se ci muoviamo velocemente dal punto di vista burocratico, nel corso della consiliatura possiamo completare l'opera e, tra l'altro, con la realizzazione del parcheggio possiamo fare in larga parte tutta l'opera in project financing".

Alla presentazione nell'Auditorium dell'Ara Pacis hanno partecipato anche il sovrintendente ai Beni culturali, Umberto Broccoli e il sottosegretario Francesco Giro, secondo il quale "il progetto non solo è condiviso con il Comune ma faceva parte del nostro programma in campagna elettorale".

(ma era stato discusso già dall'amministrazione Veltroni  - ndr)

vai a

http://www.iloveroma.it/articoli%20iloveRoma/arapacis.htm


 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

fuori porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zetema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema