scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

giovedì 22 settembre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                     antichi sapori

Inizia oggi un viaggio nella cucina ebraica romana. Siamo certi che servirà a colmare (anche se solo in piccola parte) l'incomprensibile ignoranza verso vicini di casa che sono qui dai tempi di Cesare. Per molti sarà una scoperta vedere che molti piatti (e particolarmente ghiotti) della cucina romana è ebraica.

Ma prima di partire per questo viaggio "dall'altra parte di via Arenula", occorre una premessa generale.

 

Kasherut

 

Sia che abbia il gusto croccante del carciofo alla giudia, o l’odore speziato del medioriente, o il pizzichino agrodolce dell’Europa dell’est, c’è un dato che accomuna la cucina ebraica. Tutto deve essere rigorosamente kasher, cioè idoneo. Le lettere dell’alfabeto ebraico corrispondono a numeri che danno ad ogni parola il valore numerico delle lettere che la compongono. Kasher (questa è la trascrizione dall’ebraico) è 7, e sette sono i giorni della creazione e 7 sono le braccia della menorah, il candelabro che è il simbolo dell’ebraismo.

Le norme che regolano la kasherut distinguono fra animali vietati (maiale, coniglio, crostacei, alcuni pesci) e permessi. Ma gli animali consentiti devono essere macellati seguendo tecniche particolari (schechità, cioè la recisione netta della giugulare che provoca una morte immediata, ma che fa inorridire molti. In Olanda, Svezia e Austria la macellazione rituale è interdetta). Inoltre è assolutamente proibito nutrirsi insieme di carne e latte. Perfino gli utensili devono essere separati e lavati con spugnette diverse. La separazione del latte dalla carne può essere interpretata come una distinzione tra vita (latte) e morte (carne). Perché tutte queste regole? Molti dicono motivi igienici che potrebbero derivare dai cibi di cui si nutrono alcuni animali. E’ anche possibile che tutte queste prescrizioni siano scaturite dal tipo di vita che il popolo ebraico, nomade e dedito alla pastorizia, conduceva nell’antichità. Oggi potremmo spiegare questi principi con la necessità di porre attenzione a qualsiasi gesto si compie per vivere.

Talmente è importante il cibo nella vita dell’ebreo, che le festività, determinate dalle fasi lunari, sono scandite dai cibi.

A Rosh ha shana (capodanno) si pianta il grano e il granturco e si benedicono i frutti della terra (porro, zucca) e dell’aria (melograno, dattero) mentre si mangiano frutti intinti nel miele di buon augurio per un anno dolcissimo.

A Kippur (espiazione) si digiuna per venticinque ore.

A Succot (festa delle Capanne), si consuma almeno un pasto sotto una capanna, spesso una frasca, per ricordare il nomadismo del popolo ebraico.

A Channukka (festa delle luci), che cade nel periodo più buio dell’anno si gustano cibi fritti nell’olio, elemento indispensabile per accendere i lumi.

A Purim (le Sorti) si festeggia mangiando dolci e bevendo la regina Ester che intercesse per il suo popolo capovolgendone le sorti decise dal perfido Amman, e con allegria ci si traveste, E’ l’unico giorno dell’anno “in cui è concesso che la mano destra non sappia ciò che fa la sinistra” come scritto nell’Antico testamento .

A Pesach (pasqua) si ricorda il passaggio dalla schiavitù alla libertà del deserto, si mangiano cibi non lievitati per ricordare la fuga precipitosa dall’Egitto e si fa il seder (ordine) , una cena in cui i cibi vengono consumati seguendo uno schema preciso: mazzot (azzime), maror (erbe amare per ricordare l’amarezza della schiavitù), haroset (impasto di mandorle mele, noci a simulare la calce e i mattoni impastati per il faraone), zampetto d’agnello (il sacrificio), uovo sodo (che ricorda il lutto anche nella gioia), vino (che si berrà poggiando il gomito sul tavolo come fanno gli uomini liberi) .

A Shavuot (settimane, sette dopo Pesach) cibi dolcissimi per ricordare la terra del latte e del miele e la gioia per avere ricevuto le tavole della legge.

Lo Shabbat (sabato) si consumano i cibi tradizionali e più gustosi. Già preparati però, perché di sabato non si lavora né si accendono i fornelli.

Tutte le prescrizioni alimentari si leggono nel Levitico (Antico Testamento)

Tiziana Ficacci


accade a Roma


percorsi

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema