scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

martedė 07 giugno 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                             la cittā del cinema

La dolce vita

Su questo film č stato detto tutto quello che si poteva dire. Parlarne non solo rischia di essere ripetitivo ma addirittura banale; peggio, si rischia la ridondanza e lo stucchevole.

E inoltre, dato che questa č una rubrica che guarda alla nostra cittā come luogo (location) del cinema, su questa sorta di monumento che č "La dolce vita", mi limiterō ad elencare le location e sono sicura che molte vi sorprenderanno.

 

 

 

Intanto diciamo subito che la maggior parte delle scene furono girate in studios cinematografici; furono allestiti circa 80 set tra cui quello di Via Veneto: guardando bene il film, lo rivela il fatto che la strada sia in piano mentre nella realtā č in salita.

Altra ricostruzione č l'interno della cupola di San Pietro dove si arrampica la diva con il costume sa prete.

L'esterno della casa della prostituta č stato girato a Tor di Schiavi nel quartiere Tuscolano, mentre l'interno č stato ricostruito nella piscina di Cinecittā.

l ballo dei nobili č stato girato a Bassano di Sutri, al palazzo Giustiniani-Odescalchi.

La casa di Emma č stata ricostruita in un sotterraneo dell'EUR.

 

A partire da Ferragosto fu girato l'esterno della scena dell'orgia nella pineta di Fregene mentre la scena finale č stata girata a Passo Scuro, dove sulla spiaggia dove avviene il ritrovamento del pesce furono piantati dei pini appositamente per le riprese.

 

 

La casa dello scrittore Steiner č situata nel quartiere dell'EUR, come testimoniato da una panoramica che si scorge dal soggiorno, con il caratteristico Fungo (probabilmente una gigantografia di scena).

Per motivi pratici gli esterni furono girati invece nella piazza antistante la Basilica di San Giovanni Bosco, a pochi passi dagli studi di Cinecittā. Gli edifici, appena completati all'epoca delle riprese, erano stati progettati sullo stile razionalista, come appunto il quartiere EUR.

 

 


Durante le riprese della celebre scena nella fontana di Trevi, Anita Ekberg non ebbe problemi a restare in acqua per ore, mentre Mastroianni, d'accordo con Fellini, per sopportare il freddo dovette indossare una muta sotto i vestiti e bere una bottiglia di vodka prima di girare. In un suo articolo la BBC afferma che la scena fu girata una sera di marzo, anche se la Ekberg afferma in un'intervista negli extra della versione in DVD che la scena fu girata in gennaio.

 

 



 

 


accade a Roma


soggettive

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema