scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

mercoledì 24 marzo 2010

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                   c'era una volta

La Stazione Vecchia di Ostia

Peppe ed Elvira, per la forza del loro legame detti anche PeppElvira, da un po' di tempo si sono trasferiti a Ostia. E poichè ad Ostia c'è il mare, vedere Peppelvira è diventato incredibilmente più facile a Ostia che quando abitavano a Roma e in definitiva nemmeno troppo lontano.

Non sto dicendo che vedo PeppElvira perchè sono a Ostia, dico che Ostia mi è diventata più familiare perchè PeppElvira stanno lì e che la loro presenza ha finito per spingermi a conoscere di più "il mare di Roma".

Dico che tutte le scuse sono buone per andarli a trovare.

Come oggi che con la scusa di certi materiali da prendere dal pc di Peppe, sono andata a finire a spasso sul lungomare e ho scoperto cose meravigliose.

Ho scoperto per esempio, che a Ostia chi può passeggia sul lungomare anche se non è estate e anche se non è sabato o domenica: signore, mamme con i bambini, pensionati, ragazzi innamorati...

Ho scoperto che le gelaterie sulla spiaggia sono aperte anche fuori dalla stagione, che si può stare in bar eleganti sulla spiaggia ma che, anche senza consumare, l'accesso al mare è libero.

Ho scoperto che davanti alla vecchia colonia marina e accanto ad una delle sedi del Municipio XIII, c'è una spiaggia libera, gestita da una cooperativa sociale dove c'è il pontile dei pescatori, che è un posto meraviglioso dove si ritrovano a pescare non solo i pensionati, come sarebbe prevedibile, ma anche ragazzi, oggi c'era un giovane cinese...

Ma la cosa più curiosa è stato scoprire dall'elenco delle fermate degli autobus che c'è una fermata che si chiama "stazione vecchia" e che ci sia una stazione vecchia è evidente dal fatto che a guardare bene, si nota che da Lido Centro partono dritti verso la città, prima della curva, un fascio di binari. E che se si guarda cosa c'è accanto a Lido centro, si capisce che la vecchia stazione doveva essere in quella terra di nessuno occupata alla meno peggio dalle giostre.  Giostre, infatti, e non "luna park" perchè si vede anche da lontano che è un pezzo di città irrisolto, non progettato, solo occupato.

Ed ecco cosa ho scoperto spulciando qui e là.

La Stazione Vecchia era più o meno dove adesso c'è il parcheggio delle giostre e infatti lì arrivano ancora adesso i vecchi binari. la stazione era stata progettata da Piacentini e, poichè era l'arrivo della linea che da Roma arrivava al mare, era uguale alla stazione di partenza a Piramide, solo decorata diversamente. 

Insieme a tutta la linea, la Stazione Vecchia (che all'epoca non solo era nuova ma era anche l'unica) era stata il 10 agosto 1924 inaugurata dal Duce in persona con una grande cerimonia dopo un grande viaggio inaugurale su un treno partito da Piramide (nome ufficiale Porta San Paolo), formato da cinque vetture e una panoramica sulla quale insieme a  Mussolini c'era il cardinale Vincenzo Vannutelli che era il Vescovo di Ostia.

Anche se i lavori per la ferrovia Roma-Lido erano cominciati subito dopo la guerra 15-18 e quindi quando il fascismo non era ancora nato, Mussolini fece dell'opera uno dei suoi fiori all'occhiello: Roma si ricongiungeva al suo mare, Roma lanciava il turismo balneare, Roma faceva rinascere Ostia dopo secoli di oblio. Gli effetti furono sicuramente importanti: Ostia ebbe un incremento di popolazione del 654% nei primi sei anni.

Sul frontone della Stazione c'era la scritta: "Agli ordini del Duce si raggiungono tutte le mete".
 

Ma Ostia nel 1943 venne dichiarata zona di guerra e nella notte tra il 24 e il 25 settembre fu totalmente evacuata dai tedeschi. dopo qualche mese, a dicembre, i tedeschi avevano permesso agli abitanti di Ostia di raggiungere le loro case per recuperare quello che avevano abbandonato durante l'evacuazione, il treno era appena arrivato alla Stazione Vecchia quando cominciò un bombardamento alleato e una bomba cadde proprio sulla stazione che venne completamente distrutta. Solo per caso non ci fu una strage.

 

Il resto è storia recente: la stazione nuova venne costruita dove adesso c'è Lido Centro, inaugurata il 4 giugno 1951 con la linea che già proseguiva fino a Castel Fusano e che il 25 agosto 1960 arrivò all'attuale capolinea di Cristoforo Colombo. Il logico prolungamento sul litorale non fu mai realizzato.

 

La distruzione della vecchia stazione lasciò un brutto "buco" architettonico mai sanato proprio al centro della città. Se proviamo ad immaginare come doveva essere questo pezzetto di Ostia, ci accorgiamo che la Stazione Vecchia chiudeva come una quinta lo spazio racchiuso fra  il Governatorato, l'attuale sede del Municipio e la mastodontica basilica Regina Pacis.

Le giostre sono utili ai bambini, non so quanto mettano allegria ma certo non risolvono il "buco", anzi è come se lo sottolineassero. Chissà perchè ancora non ci ha pensato nessuno, visto che poco lontano si è provveduto a riqualificare l'area con un bell'intervento di pedonalizzazione...

 

angela :)


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

fuori porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zetema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema