scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

domenica 12 agosto 2012

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                               percorsi

San Lorenzo in Lucina

Curiosa piazza. E' nel cuore del cuore di Roma, affaccia su via del Corso, è incastrata fra una basilica e un museo, non c'è modo di schivarla, la si sfiora con l'autobus, la si attraversa a piedi, in bicicletta... ci sarò passata migliaia di volte eppure non mi ha mai catturata.

Vero, non sono una frequentatrice di basiliche e di bar-salotto... Nella basilica ci sono entrata solo una volta, una sera che un amico cantava nel coro. E al bar ci sono andata solo quella volta con Alina, a scambiarci racconti romani e newyorkesi. Ho apprezzato la pavimentazione liscia, una delle prime del centro di Roma (correva l'anno 1997) e con la bici da quel momento è stato un piacere passarci.

Il ricordo più intimo è quel negozio accanto al bar dove prima vendevano colorati gomitoli di lana e di cotone.

Per il resto nulla, una piazza di passaggio che ho scoperto essere triangolare solo adesso, chiedendomi come mai Marcella Morlacchi avesse disegnato solo due profili e poi andando a controllare, per ricostruirla (più o meno) dai suoi disegni, su Google Earth.

 

Eppure meriterebbe, almeno per due cose.

La disputa sull'origine della basilica: fino a poco tempo fa si riteneva che fosse sorte sui resti della casa di una matrona romana cristiana, Lucina appunto, che aveva destinato una sala al culto; e invece pare che ci fosse un tempio pagano dedicato a Giunone Lucina su cui, cosa frequente, i cristiani hanno sovrapposto una chiesa per cancellare il culto precedente.

La grande meridiana: nel 10 a.C. , sotto Augusto imperatore, Mecenate insieme ad astronomi egizi, aveva costruito l'Horologium Augusti: su una vasta platea il tempo era segnato dall'ombra dell'obelisco qui rinvenuto e che adesso si trova davanti Montecitorio; Plinio racconta che la meridiana però funzionava male a causa dello spostamento dell'obelisco causato da un terremoto.

Evidentemente la piazza ha sempre avuto a che fare con la "luce": l'epiteto di "Lucina" dato alla dea Giunone era per la sua protezione ai bambini nel momento del parto - "Lucina": colei che porta i bambini alla luce. Bello, no?

 

 

 

e per iPad

 

 


accade a Roma


percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema