scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

domenica 18 dicembre 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                              percorsi

Via del Babuino

Mi risuona nelle orecchie da quando ero piccola: da via del Babuino la RAI trasmetteva il giornale radio e la radio era nelle case quello che adesso è la televisione perchè la TV trasmetteva soltanto nel pomeriggio e poi la sera. E anche la radio non era quella di adesso, non c'erano le radio private, c'era anche lì solo la RAI - Radio Televisione Italiana, dalla sede di Via del Babuino in Roma trasmettiamo il giornale radio.

Via del Babuino era nelle mie orecchie solo la domenica mattina, perchè non andavo a scuola; e la domenica mattina Via del Babuino era associato inevitabilmente all'odore del ragù con la carne che cucinava piano sul fornello. Cosa che sta proustianamente accadendo anche adesso mentre scrivo

 

Difficile dire del primo ricordo "fisico" di via del Babuino, forse Feltrinelli, forse il negozio dove comprammo le poltroncine paffute che sono tutt'ora a casa.

 

Il ricordo più grande è sicuramente quel pomeriggio che con Claudio siamo andati ad intervistare Gigi Magni e il fatto che vivesse lì, vicino di casa di Fellini e di Gassman (che abitava a via del Vantaggio traversa di via Ripetta) mi ha dato il profumo di cosa deve essere stata la strada e in generale quel pezzo di Roma negli anni del "cinema".

 

E ancora: ricordi sparsi di iniziative letterarie al Caffè Notegen, e le sbriciatine alle vetrine degli stilisti Armani, Missoni (di cui non so cosa pagherei per trovare i filati)

 

Ma tanto per fare un po0' di Storia: la strada è lì almeno dal XIV secolo e ha avuto tanti nomi: via dell'Orto di Napoli, nel 1525 via Clamentina perchè l'allora papa Clemente VII aveva fatto importanti lavori, poi via Paolina nel 1540 per il avori fatti da papa Paolo III. Poi nel 1571 fu collocata una nuova fontana ad uso dei cittadini (a noi sembra impossibile ma nelle case non c'era l'acqua e non c'è stata fino a tempi relativamente recenti); e la fontana aveva la statua del Sileno, una divinità classica legata alle sorgenti. Ma i romani la trovarono così brutta, ma così brutta che diventò "er babuino" (la scimmia).

 

La strada fu sempre molto importante perchè collegava piazza del Popolo al centro della città rinascimentale e bisogna ricordare che da piazza del Popolo entravano in Roma tutti i viaggiatori provenienti da nord attraverso la via Flaminia e la via Cassia (che si uniscono a ponte Milvio). E infatti via del Babuino era piena di locande e quando nel '700 in Europa scoppiò la moda del "viaggio in Italia", a piazza di Spagna c'erano i primi negozi di souvenir per turisti dove si potevano acquistare vedute di Roma. E d'altra parte nella parallela via Margutta c'erano i pittori ma questa è un'altra storia.

 

Quanto sia importante via del Babuino lo sottolinea infine il fatto che sia la strada di Roma gemellata con Madison Avenue di New York, gemellaggio avvenuto il 16 ottobre 2002.

...felici anni veltroniani...

 

angela :)

 


 

 

ed ecco la versione per iPad (bloccare la rotazione automatica)

e buona passeggiata

 

 

disegni di Marcella Morlacchi per "Roma ieri oggi domani"
 


accade a Roma


percorsi

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema