16/01/2006      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zètema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


MiniposterCinema


AIG - ostelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                          for de porta

 

siamo anche noi contenti...
 

di avere ascoltato veltroni, ancora una volta se possibile, fa piacere.
la differenza di walter credo sia impercettibile e sostanziale, nel linguaggio e nel sogno.
ecco, lui da l'impressione di sognare come martin luther king e di crederci,..... forse è un atteggiamento, non sono nella sua testa, ma se lo è, .... gli riesce proprio bene.
accetto il rischio di credergli, d'altronde bisogna credere in qualcosa, si deve sognare....
ho pensato al vuoto di locri...
non era naturale, anche detraendo l'ora e il sabato, quel nulla globale non ci stava ; forse l'unica cosa che comprendevo era il bar chiuso all'angolo sotto casa di fortugno .. il titolare l'ho conosciuto.... tipo strano, diciamo...

ma forse era solo il turno o c'era troppa polizia e qui tanta polizia in giro è sinonimo di rogne grosse.
non volevo parlarne al telefono, qui tutto è passato al setaccio, proprio tutto , e anche se non c'è nulla da nascondere, anzi il contrario, ne ho un grande fastidio.
mi riservo di "ascoltare" e capire, quando tornerò domani a locri.
certo è che i più disorientati e fuori luogo erano i tuoi colleghi giornalisti.
li avessero portati nel burghina-faso avrebbero avuto più risposte.
quì di risposte non ce ne sono. almeno sui muri o per strada, e loro hanno incontrato si e no 100 o 150 locresi e 40 fra poliziotti e carabinieri specializzati in scorte; non proprio un campione probante.
gli n'drangetari son persone terribilmente "normali", ben vestiti, educati, non alzano mai la voce, ed è quando ti parlano più piano e sorridendo che devi fare attenzione, hanno il telefonino alla moda, il vestito alla moda, belle macchine, belle mogli, "fanno tendenza" insomma.
gli unici che hanno le risposte siamo noi che ci viviamo tutti i giorni, ma non sappiamo o vogliamo "leggerle".
potremmo, solo volendo, mettere fine a tutto questo schifo
io lo dico sempre,
ma nessuno capisce o vuol capire.
la mafia siamo noi.
è troppo semplice e complesso, è la differenza fra sognare e no!
bacioni
a.
 

.. e noi che siamo rimasti (arrivati?) in Calabria

Ho letto tutto quello che hai scritto , le riflessioni personali e quelle sulla giornata di ieri ...Con tanto interesse. Per me, l'omicidio di Fortugno ha riaperto una porta su riflessioni su questo posto dove bene o male, sono rimasta a vivere. Diciamo che è andato cosi e poi, io mi sento comunque cittadina del mondo e anche italiana e ti sembrerà strano un pò calabrese. Non vivi in un posto, anche se difficile, per tanto tempo, senza imparare ad amarlo... questo con tante contraddizioni perché io sono nata in un posto diverso, con presupposti culturali differenti Quando hanno ammazzato Fortugno, io mi trovavo all'aeroporto di Linate, stavo tornando qui, a Reggio dalla Svizzera. Sono rimasta colpita, allora nel posto dove vivo, succedono queste cose, cosi gravi, cosi incivili. Ovviamente lo sai, ma ogni giorno tendi a non pensarci perché bisogna andare avanti. Sai che i tuoi spazi di manovra, sul lavoro sopratutto, sono ristretti, sai per esempio , se allarghi la tua piccolissima attività commerciale, e non ti muovi piano, rischi più che altrove, sai che molte volte è meglio rimanere invisibile anche se non hai mai nascosto le tue idee. Sai che le tue possibilità di cambiare, di progredire sono più scarse anche se non ti arrendi. Immagino che questo lo sai perché sei nata a Reggio e te ne sei andata.

Noi, da mesi , ci chiedevamo perché in quella bellissima Ionica, sul lavoro non si batteva un chiodo, la gente si lamenta e quando vai li una domenica di ferragosto, la spiaggia è quasi vuota, quest'anno i turisti sono ancora di meno, e gli emigranti tornano per pochi giorni ....perché se vieni, in fondo c'è solo il mare, pochissime strutture e stupendi paesi dimenticati. Neanche all'estremo sud del Peloponneso , ho visto tanto abbandono. Questo non è un lamento, c'è solo tanta rabbia, spero condivisa da molti qui in Calabria .
Non lasciateci soli, lo ripeto insieme a una ragazza della Locride intervistata tempo fa .
E l'unica strada, la mafia vive meglio nell'indifferenza o nel consenso diffuso . Dietro ci sono interessi molto grossi e questo lo sappiamo tutti .
E un discorso troppo lungo per stasera e sicuramente non nuovo.
Allora, in bocca al lupo per il tuo giornale e a presto.

M.
 

cerca


soggettive


accade a Roma


la città futura


c'era una volta


città del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita


paroledisindaco