scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

lunedì 25 luglio 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           soggettive

Lorella Cuccarini

2007 - intervisteromane.net

 

In quale zona di Roma hai passato l’infanzia, Lorella?
Il quartiere della mia infanzia, per cui ho dei ricordi più forti e più vivi è il Prenestino. Io ho abitato per molto tempo in via Conte di Carmagnola, praticamente dai miei 5 anni ai 14 anni e quindi è stato un periodo molto importante della mia infanzia. Lì ho frequentato le scuole elementari e le scuole medie. Questo è il quartiere a cui sono più affezionata. Ho dei ricordi bellissimi, perché quando c’ero io il Prenestino era ancora la vera periferia. Al giorno d’oggi, a Roma, parlare di periferia diventa molto complicato, perché effettivamente l’hinterland è diventato molto vasto, per cui oggi se guardi il Prenestino ti rendi conto che è a due passi da San Giovanni e sei praticamente in una zona molto centrale. Però, all’epoca ricordo che poco dopo largo Preneste c’era la campagna. Passandoci oggi mi fa un grande effetto.


Com’è il tuo rapporto con Roma?
Bellissimo! Sempre! Anche se a volte è un po’ travagliato ( risata ), perché Roma è una città meravigliosa ma ha anche dei grossi problemi, primo fra tutti il traffico.


Quello è un problema di tutte le grandi città, no?
Si! E’ vero. Io conosco bene Roma principalmente perché ci abito, per cui uno si lamenta della propria città. Io sono stata per qualche settimana a Milano, in teatro, e anche lì, nonostante che Milano sia una città più piccola rispetto a Roma, ma il traffico è un problema serio anche lì. Però il rapporto con la mia città è meraviglioso, ha alle spalle la storia, i suoi monumenti bellissimi, ha un clima magnifico.


Quando sei stata a Milano per lavoro, cosa ti mancava di Roma?
Mi mancava la bellezza di Roma, perché Roma, ogni volta che la giri per fare delle commissioni o sei indaffarata in mille altre situazioni, è una città che ti riempie gli occhi. Ovunque ti muovi trovi pezzi d’arte e di storia o di piccole cose che non avevi mai visto. Noi romani giriamo Roma in lungo e in largo, però io a volte la osservo come un turista, come se la vedessi per la prima volta e continua a lasciarmi a bocca aperta.


Nei momenti liberi in quale angolo di Roma ami rifugiarti?
Rifugiarmi non direi, perché penso che il rifugio sia la casa propria ( risata ). Mi piace passeggiare nella zona di San Pietro e via della Conciliazione e poi attraversare il ponte e entrare nel centro storico e passeggiare in quelle bellissime zone turistiche come piazza di Spagna, fontana di Trevi e il Pantheon. E’ una zona bellissima da girare e la sera devo dire che è molto carina anche dalle parti di Trastevere, con i suoi vicoletti. Trastevere è un’altra zona di Roma molto affascinante.


I romani, i tuoi concittadini come li trovi?
Sono tanto simpatici ( risata ).


Mi immaginavo questa risposta. Ma avranno qualche difetto, no?

Le persone hanno difetti, non i romani o i milanesi. Sicuramente anche fra i romani si trova il maleducato o la persona che lavora di meno, ma questo come a Milano. Non è vero questo luogo comune che il romano lavora di meno che quello di Milano. E’ un luogo comune da sfatare. Il buono e il cattivo c’è dappertutto e quindi non facciamo di tutta un’erba un fascio. Una caratteristica, secondo me, del romano è la solarità proprio come la nostra città e quindi di avere un approccio più semplice e più immediato con le persone. A volte anche la persona che ti fa l’apprezzamento che sia più pesante o meno, il romano te lo fa senza tanti problemi ( risata ). Magari in altre parti d’Italia c’è un po’ più di contegno. Questo, tutto sommato, fa tanta simpatia, perché è il nostro modo di essere.


Per un’artista, Roma cosa rappresenta?
Rappresenta il centro della cultura dal punto di vista del teatro, del cinema e della televisione. Milano può essere più il centro dell’industria e della moda, però se parliamo di spettacolo Roma ha i teatri più importanti, il mondo cinematografico è nato qui, a Roma. Quindi Roma, anche sotto questo punto di vista, ha un grande valore.

 

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema