scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

giovedì 26 settembre 2013

           

                                                                                             nei luoghi di Ettore

 

 

Case Medievali al Portico d'Ottavia
                                                               guarda la foto

Le macchine, che dal centro di Roma dovrebbero scomparire, ogni tanto di intrufolano a disturbarmi ma posso sempre tornare a rifare la foto sperando che ci siano personaggi così romani come quei due tipi che chiacchierano e nessuno abbia parcheggiato in questo angoletto dietro al Portico d'Ottavia dove a parte l'ombrellone della dependance del ristorante di Gigetto non è cambiato granchè.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quello che dovrò sicuramente aspettare molto perchè spariscano sono i ponteggi del cantiere di restauro del timpano del vecchio monumento romano, ponteggi che soo apparsi ad un certo punto ma che è passato tanto tempo che mi sembra un sempre. E coi tempi che corrono, mi sa che resteranno lì per un bel po'. Uffa.... Perchè quel varco stretto, quell'apertura fra Gigetto e

Sant'Angelo in Pescheria è uno dei passaggi più insospettati e più intriganti del centro di Roma.

Già, Sant'Angelo...   

La chiesa che risale all'8° secolo, costruita approfittando del Portico d'Ottavia e che da il nome a tutto il Rione, da quando il 14 luglio del 1155 tutto intorno è stato chiuso il Ghetto degli Ebrei, sembra una provocazione e devo dire che fa un po' senso passarci quando ci sono le liturgie cattoliche con canti e rosari.

Vale la pena raccontare a questo punto degli Ebrei di Roma.

 

Il popolo ebraico è presente a Roma dall'epoca di Pompeo. Il 14 luglio 1555 papa Paolo IV Carafa istituisce il Ghetto per gli Ebrei romani con la bolla "Cum nimis absurdum": la zona viene chiusa con un muro su cui si aprono tre porte per separare le abitazioni degli ebrei da quelle dei cristiani. Le porte del Ghetto venivano chiuse dal tramonto all'alba, quando poteva uscire che aveva il permesso speciale o per esercitare i soli mestieri consentiti agli ebrei, la vendita di stracci e il prestito a usura ma sempre indossando un contrassegno giallo.

La gente nel Ghetto era talmente tanta che si possono immaginare le condizioni igieniche. Senza contare che la parte verso il fiume era soggetta a frequenti inondazioni. Gli ebrei di Roma si erano attrezzate con l crescita in altezza delle case e con superfetazioni, aggiunte, ballatoi, scale esterne, sovrappassi... ma lo spazio era sempre troppo poco e le epidemie erano spaventose. Inevitabili le differenze: le famiglie ricche abitavano nelle case poste verso l'esterno, lontane cioè dal fiume, dove vivevano invece i poveri le ui case venivano a volte inondate fino al terzo piano e poi era difficile risanarle dalla melma e dall'umidità data, n questo groviglio, dalla mancanza di sole.

 

Nel 1848 Pio IX ordinò di abbattere il muro ed i portoni, ma fu dopo il 1870, con la fine del potere temporale dei papi, con la costruzione dei muraglioni e l'apertura dei lungotevere, che il Ghetto fu definitivamente abolito.

Nel 1888, con l'attuazione del nuovo Piano Regolatore, la maggior parte delle antiche strade, dei vicoli e degli edifici furono demoliti: scomparvero così "via della Scuola Catalana", "vicolo Capocciuto", "vicolo del Pancotto", "via della Stufa", "via delle Animelle" e la pittoresca "via della Rua".

 

angela :)

 

 

 


accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

quanto sei bella

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema