scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

giovedì 27 giugno 2013

           

                                                                                             nei luoghi di Ettore

 

 

Albergo dell'Orso

                                                                 guarda la foto

Questo è un altro posto che con i modesti mezzi non si può fotografare dalla stessa angolazione da cui Ettore Roesler Franz lo ha dipinto. E anche avendo "potenti mezzi" (un buon grandangolo), più di una foto angolata non si può fare perchè Piazza dell'Orso non c'è più.

C'è stata fino al 1888, come testimonia una foto dell'Archivio Fotografico Comunale.

Poi, con le radicali trasformazioni per la costruzione del Lungotevere e all'apertura di Via Zanardelli, il  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

conte Primoli, proprietario del palazzo che affacciava sulla piazza dell'Orso, nel 1901 decise di fare grandi lavori di ristrutturazione: la vecchia facciata sulla piazza venne demolita e al palazzo venne aggiunto un nuovo corpo di fabbrica con una serie di logge angolari, fu creato sulla nuova Via Zanardelli un nuovo ingresso monumentale e l'intero edificio fu sopraelevato.

Ma nel paragone fra il quadro di Ettore (e la foto del Comune) e l'attuale albergo, si notano ance importanti differenze. Il vecchio edificio aveva un aspetto piuttosto semplice e tranquillo dove l'unico pregio era forse quello di convergere sulla piazza e avere tre affacci e l'altro era in quella finestra ad arco in fondo all'ultimo piano sul lato verso il fiume. Chissà quanti rimaneggiamenti... Era un palazzetto del '400, come racconta ancora proprio quella finestra che deve essere stata una loggia, e come tutti deve avere subito trasformazioni importanti ai tempi della controriforma quando tutto il medioevo scomparve quasi del tutto da Roma.

Ed proprio pensando al medioevo che l'edificio viene restaurato negli anni '30 in stile neo-gotico.

La cosa buffa è che, mentre tutto intorno tutto chic cambiava, l'albergo tale era e tale è rimasto, fedele alla sua missione di accogliere viagga: iatori come cinque secoli fa (siamo a due passi dal ponte di Castel S. Angelo all'epoca passaggio principale verso san Pietro). Era locanda dove si poteva anche mangiare; adesso è ristorante e, recita qualche guida, una delle discoteche più esclusive della capitale.

 

Ma ancora una chicca: la foto del 1890 quando piazza dell'Orso e l'Albergo furono allagati dalla piena del Tevere, l'ultima che avrebbe funestato la città. I muraglioni sono quasi ultimati, ancora qualche anno e il conte Primoli ristrutturerà il suo grane palazzo che è oggi il Museo Napoleonico.

 

 

angela :)

 


accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

quanto sei bella

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema