scrivi

sabato 16 gennaio 2016

            

                                                                                             nei luoghi di Ettore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Monte Brianzo

 

Tutto cambiato. Ovviamente, trattandosi del lungotevere.

Qualcuno l'altro giorno passeggiando lungo via Giulia si chiedeva se i palazzi avessero l'accesso dal fiume.

Cuore romantico! Pensare al Tevere come fosse il Canal Grande...

Basta guardare questo acquarello come altri e guardare le corrispondenti foto dell'epoca, foto Alinari o quelle dell'Archivio Storico Capitolino per rendersi conto che le sponde del Tevere saranno state pittoresche ma tutt'altro che "eleganti".

Le immagini raccontano di una cittā fatta di piccole case, affastellate una sull'altra, di un arte di arrangiarsi usando vecchie mura roane, costruendo balconi, passaggi, scalette...

I palazzi, giusto qualcuno come quello dei Chigi alla Farnesina, avevano un affaccio, forse un approdo lė vicino ma certamente un ingresso secondario, per le merci che viaggiavano lungo il fiume, niente di glorioso e monumentale.

Ma sponde certamente pių affascinanti di quelle attuali. Specialmente in questo punto.
Siamo all'altezza di piazza Nicosia, luogo di rara bruttezza, triste inserimento di architettura moderna che non ha avuto il coraggio di essere razionalista, algida come quella dell'EUR e ha voluto adattarsi vagamente ai colori e alle forme dall'ambiente rinascimentale tutto intorno. Parlo del palazzone moderno.

Accanto c'č invece un elegante palazzo molto gradevole.  Gradevole anche la facciata su via di Monte Brianzo. Peccato che attaccato c'č uno dei tanti punti non risolti del lungotevere, un qualcosa che definisce e delimita le quote stradali diverse, un spazio vuoto dove mi sembra che ci fosse un'officina, adesso degradato che potrebbe essere utilizzato, per esempio, come parcheggio ai residenti e liberare i vicoli. Ma chissā quante competenze incrociate?

Tornando sul Tevere, comunque č curioso come in definitiva l'effetto muraglione e l'effetto muraglia degli antichi affacci alla fine un pochino si somiglino. Solo che il muraglione č inevitabilmente piatto e in un certo senso privo di vita.

Buona passeggiata..

 

angela :)

 

 

 

 

 


accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

quanto sei bella

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema