scrivi

giovedì 14 luglio 2016

            

                                                                                             nei luoghi di Ettore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La chiesa dei Fiorentini dove c'era il ponte di ferro

 

Un altro mondo  dalla stessa angolazione.

Anche se ci vorrebbe un grandangolo, cioè una macchina fotografica "vera",con gli obiettivi intercambiabili...

Può essere un bel desiderio per il compleanno. Se solo le refelx digitali non costassero così tanto... Vabbhe.

 

Diciamo anche che Ettore Roesler Franz non era così lontano come sembrerebbe dall'acquarello. Il Tevere,anche con la costruzione dei muraglioni, non si è ne' allargato ne' ristretto.

E' che, e lo abbiamo detto molte volte, l'artista guarda col cuore, noi ci aiutiamo con un mezzo meccanico che restituisce la realtà, l'immagine del mondo, in maniera razionale. Possiamo giusto giocare,appunto, con obbiettivi fotografici di diversa focale.

Ci attrezzeremo

 

L'acquarello è uno dei più fascinosi di tutta la serie di Roma Sparita  tanto da averne fatto, all'epoca in cui abbiamo aperto la rubrica, l'immagine di copertina

http://www.iloveroma.it/articoli%20iloveRoma/archivi/romasparita.htm

Il ponte era quello "del soldino" perchè per passare si pagava un pedaggio.

Ma anche adesso il posto non manca di fascino.

Il ponte che congiunge le due sponde e arriva ai Fiorentini, ponte Amedeo d'Aosta, è come se sbucasse dritto dritto dal traforo di porta Cavalleggeri che a sua volta è un prolungamento di Gregorio VII, che a sua volta viene giù da Pineta Sacchetti, che a sua volta viene giù da Monte Mario, che a sua volta viene giù dalla Cassia e dalla Trionfale...

Risalendo alla storia di Roma, questa è la strada che gli etruschi avrebbero percorso per conquistare l'Urbe. Solo che all'epoca non c'era, gli era toccato scendere dal Gianicolo (che infatti è sopra il traforo) per arrivare a ponte Sublicio dove però c'era ad aspettarli Orazio Coclite. Che storia!

 

Senza contare che qui, al ponte Principe Amedeo d'Aosta, arriva zitta zitta anche la Lungara che è una delle strade più ... di frontiera del centro di Roma.

Perchè di frontiera? Ma perchè...

E' una storia lunga, la racconto un'altra volta.

Intanto buona passeggiata..

 

angela ermes cannizzaro :)

 

 


accade a Roma


virato seppia

il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

quanto sei bella

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema