scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

08.05.2007 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                       for de porta

Diario del mio viaggio in Russia

di Massimo Giacomozzi

Cercando nei cassetti ove custodisco le cose della mia vita trascorsa, foto ed altre cose, mi è venuto tra le mani un diario che avevo fatto in occasione di un viaggio da me effettuato in diverse città dell’URSS nel 1982, da Mosca a Rostov sul Don, Tiblisi ad Erevan. Ero in rappresentanza del Cral del Comune di Roma di cui all’epoca ero membro del Direttivo, invitato dalle autorità turistiche russe insieme ad altri rappresentanti di enti che gestivano in Italia tali attività . Ho avuto occasione di tornare da turista a Mosca nel 2005, ma ho visto una città diversa da quella che avevo visto nel 1982. Ora Mosca è una città moderna, piena di vita, animata da una attività simile a quella che vi è nelle nostre città, con un traffico automobilistico simile al nostro anche se il tenore di vita generale è probabilmente più basso del nostro. Ed anche strutturalmente vi sono delle novità, nel 1982 ,ad esempio, per rientrare in albergo passavamo davanti ad una piscina scoperta e riscaldata, destinata all’attività ludica dei moscoviti.

 

Nel 1997 vi hanno ricostruito la Cattedrale del Cristo Redentore così come era prima che il regime comunista di allora, nel momento più nero nei rapporti con la chiesa cattolica, la demolisse per costruirvi appunto la piscina scoperta. E’ quindi una Mosca diversa più simile alle nostre città occidentali con negozi ben forniti e pieni di ogni cosa ove dominano le firma dei nostri stilisti.
Io con il mio diario voglio descrivere le impressioni a seguito di una visita effettuata venticinque anni or sono in condizioni politiche, sociali ed ambientali molto diverse, quando vi era ancora l’Urss e non le diverse nazioni venute dopo il disfacimento del regime sovietico.

19 marzo 1982
Siamo un gruppo di venti persone provenienti da varie città italiane. Partiamo dall’aeroporto di Fiumicino con un aereo dell’Aeroflot alle ore 9,20 con un tempo non ottimo ma soddisfacente. E’ la prima volta che faccio un viaggio così lungo ed al momento che l’aereo prende quota non mi assale alcun senso di timore o paura. Dagli oblò riesco a vedere con difficoltà Fiumicino e Roma perché il cielo è leggermente nuvoloso. Il viaggio si svolge tranquillo, il pranzo servito è buono, il caffè invece pessimo, è solo acqua scura. L’atterraggio all’aeroporto di Mosca è da manuale e da applauso per la bravura dei piloti. Non sembrava neanche di trovarsi su un aereo ma l’impressione era quasi di trovarsi su treno per la stabilità dell’aereo al momento che ha poggiato le ruote a terra. Sono le ore 14,50 locali ma usciamo dall’aeroporto alle ore 16,20 per un controllo minuzioso dei passaporti da parte dei poliziotti russi e per il passaggio alla dogana ove hanno aperto tutte le nostre valigie.
Siamo attesi da una guida-accompagnatore che ci fa salire su un autobus per dirigerci nell’albergo a noi destinato. Traversiamo Mosca sotto tanta neve che comunque va sciogliendosi ma la Moscova è ancora gelata. Prendiamo contatto con la città che poi visiteremo più a fondo al ritorno dal nostro giro delle altre città che dovremo visitare. La città è abitata da nove milioni di persone che si vedono girare per le strade in maniera disciplinata e con traffico automobilistico molto rado perché di automobili se ne vedono poche e molte sono di autorità pubbliche . Tranne la strada che porta al Cremino,ben tenuta e scenografica, le altre sono abbastanza squallide, sembra di stare in strade periferiche di piccoli centri della nostra provincia in particolare pieni di palazzi alveari, abbastanza allucinanti, per lunghissimi tratti. Passiamo davanti all’Università un meraviglioso palazzo così come lo sono tutti i palazzi pubblici. Arriviamo all’albergo Inturist, un grattacielo con tanti piani, di proprietà dei sindacati, è nuovo perché ha aperto da un anno. Ha l’aspetto di un nostro motel ma anche più brutto esteticamente, nelle camere i servizi sono scadenti, ed in Italia sarebbe considerato forse di IVa categoria. La mia stanza la numero 2706 è al 27° piano ed ai vetri niente tende né scuri quindi mi preoccupo perché sono abituato a dormire al buio. Le stanze sono a due letti ma io sono solo perché la persona che avrebbe dovuto dividere la stanza con me non si è presentato alla partenza da Roma. La hall dell’albergo è bella ed ampia e vi è una sala concerti ed un negozio per turisti Alle ore 19 si va a cena e dopo spero di poter telefonare a mia moglie a casa. La cena è buona e ci viene servita in una sala molto ampia ben arredata, con luci soffuse destinata alla rappresentanza ed ad accogliere delegazioni. Al 30° piano vi è il ristorante destinato a tutti gli altri ospiti, anche questo bene arredato, con una orchestra che suona durante la cena e per il dopocena un bar elegante ove una vodka costa 1,30 rubli.

20 marzo 1982
Ci viene data la sveglia alle ore 6,30 ed alle 7,30 facciamo colazione servita all’inglese e molto consistente e fornita di molto yogurt. Alle 8,30 usciamo dall’albergo , fuori ci aspetta l’autobus che ci condurrà ad uno degli aeroporti per voli nazionali di Mosca ( ve ne sono cinque ) dove alle dieci dobbiamo partire per Rostov. Prendiamo un aereo di linea russo per voli interni e saliamo sul mezzo per primi segno di cortesia per gli ospiti italiani. Il volo è ottimo anche se attraversiamo le nuvole nella discesa ed alle 12,50 atterriamo a Rostov sul Don. Ci attende una rappresentanza del turismo russo locale che ci preleva con un pullman, vecchio ma pulito e ben tenuto. Attraversiamo la periferia di Rostov dove, per almeno due o tre chilometri, vediamo case tipo baracche, troppo sarebbe chiamarle dacie, mal ridotte ed intorno ovunque la neve che si scioglie e si trasforma in fango ed un’aria di povertà desolante. Molta calma nelle strade forse per la condizione ambientale o per abitudine e rassegnazione in questa lotta dignitosa contro la povertà che appare evidente. Traversiamo una città anonima con in evidenza immagini iconografiche del regime, grandi foto di dirigenti e slogan poggiate sui muri dei palazzi. I mezzi pubbliche che si incrociano sono molto vecchi e malandati. Arriviamo all’albergo Tourist alle ore 13,10, e dobbiamo mettere l’orologio avanti di un’ora per la differenza di meridiano che vi è con Mosca. L’albergo è stato costruito nel 1979, è moderno, dignitoso con pretese di lusso, ma al solito non curato nei particolari.
Vengo assegnato nella stanza con un medico di Trento di nome Maurizio Agostini. A pranzo ci servono un antipasto di insaccati e cetrioli, brodo di pollo,carne arrosto con contorni fantasiosi, ed un caffè acquoso. Alle 16,30 abbiamo un incontro con il Vice Presidente Provinciale del Comitato Centrale dei Sindacati Sovietici, che, nel discorso di apertura, esalta le circostanze della concomitanza della nostra visita con il 17°mo Congresso dei Sindacati, ed illustra poi il rapporto fra Sindacato e Turismo. Cominciano quindi le domande. Io chiedo come avviene nel rapporto fra sindacato e lavoratore la scelta del luogo ove andare a passare la vacanza ed il periodo. La risposta è che è il Sindacato, a livello di fabbrica, che decide ed orienta. In URSS esistono due Comitati Centrali che si interessano a favore del lavoratore del turismo, quindi del suo riposo, e della sua salute. Al lavoratore anziano, il pensionato, pensa quello della “salute” e quindi risulta in maniera inequivocabile che il sindacato pensa alla condizione psicofisica del lavoratore in relazione alla sua capacità produttiva mentre l’anziano va solo curato. In URSS non esiste disoccupazione ma ho visto come occupazione anche addetti alle scale mobili ( seduto accanto alla base della scala). Il lavoratore non paga l’iscrizione al sindacato ne' partecipa alle decisioni sugli investimenti. E’ la direzione della fabbrica che iscrive il lavoratore al sindacato e destina una parte del plusvalore in investimenti per le sue vacanze costruendo alberghi per i lavoratori. In URSS le vacanze del lavoratore si alternano per tutto l’arco dell’anno e gli impianti turistici lavorano costantemente con pochi periodi di minor utilizzo. Il problema dello scaglionamento delle vacanze è la norma ma non ho capito quanto sia determinante la volontà del singolo quando e dove andare. Ovvero se ciò avviene praticamente in maniera coattiva o no. L’albergo è pieno di gente di ogni razza, dai cosacchi con il loro classico costume, a comuni lavoratori vestiti con abiti che da noi si usavano almeno venti anni fa. Ho l’impressione che il sindacato abbia una concezione dopolavoristica del turismo, di massa ma con il solo interesse di rigenerare le energie fisiche del lavoratore. Alle ore 17,30 siamo andati a visitare la città, poiché era stato annullato uno spettacolo folcloristico a cui avremmo dovuto assistere per malattia del direttore del complesso. Andiamo al centro ove si trovano edifici dignitosi di provincia come potevamo vedere da noi su cartoline ingiallite di anni fa. Nei negozi le vetrine sono fatte in maniera molto semplice ed agli occhi di noi occidentali fanno tenerezza per la mancanza di prodotti. I grandi magazzini sono pieni di generi che per noi sarebbero di bassa scelta e che potremmo trovare in vecchi bazar di periferia fra i prodotti che non più richiesti. Una stoffa per vestiti da donna al cambio in lire costa 30 mila al metro ed un vestito da uomo a 150 mila confezionato con stoffa che da noi non troverebbe mercato. Essendo un paese ad economia agricola si vedono molte fabbriche e negozi di attrezzature agricole. Fa molto freddo, siamo a meno 5 gradi e viene giù qualche fiocco di neve. Al ritorno in albergo ci attende la cena. Nel ristorante vi è un matrimonio e la sala è piena. C’è un’ orchestra e tutti ballano, giovani ed anziani, donne grasse e robuste ben piantate in terra, non brutte ma “ virago “ più che donne. Gli uomini invece razza contadina. Grande allegria in sala e tutti ballano, bevono e cantano. Noi facciamo una cena simile al pranzo con piatto di salmone ( molto buono ) per primo e piatto di carne per secondo e stasera ci offrono anche il vino, caro in URSS. Evidentemente fanno uno sforzo economico,ma noi siamo la prima delegazione italiana in visita e ci fanno per questo molti complimenti. Il nostro interprete è un uomo di partito e non ci lascia soli neanche un momento, ma è molto simpatico e sembra credere molto onestamente a quello che fa. Beve continuamente superalcolici, è molto occidentale nei modi, è elegante nel vestire e somiglia molto all’attore inglese Michael Caine molto noto al momento. Dopo cena nella sala dell’albergo ci proiettano un film ove si vede Rostov in primavera che è tutt’altra cosa di come la vediamo adesso. Poi si va al bar-discoteca, zeppo di giovani che ballano disco-music. Abbiamo tavoli riservati e tutti ci guardano da lontano ma con molta simpatia. I giovani del nostro gruppo ballano con le ragazze russe, ci si intende a gesti, si beve e si fraternizza con interesse di entrambi a scambiarsi notizie del diverso modo di vivere. Alle 22,30 chiude il bar e tutti vanno via. Noi invece siamo invitati nella stanza del dirigente sindacale russo capo delegazione. E’ in jeans e ci offre vodka. Si va avanti fino alle ore 24 a parlare di tutto amichevolmente. Poi finalmente andiamo a letto.

 

continua la prossima settimana
 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio