26/10/2005      chi siamo scrivici

             amici link

 

ViaVenetoRoma


Comune di Roma


Zčtema


Upter


Atac Roma


LaScatolaChiara


Archivio

immaginiCinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                        la cittā futura

Metro B1 e non solo

La gente del quartiere africano e quelli di Conca d'Oro e viale Tirreno brontolano da mesi per i lavori. Stamattina, andando all'apertura del cantiere una elegante signora ha pių che brontolato vedendo il capannello di gente davanti al cantiere a Conca d'Oro: tutte le scuse sono buone per andare via dagli uffici.

Le ho chiesto se non č contenta che arriva la metropolitana al nomentano e ha risposto "a me non importa, io vado a piedi". Ma era sull'autobus. Bho?

Personalmente giro in motorino ma da una decina di giorni sono a piedi e, curiosamente, mi č capitato di andare spesso verso viale Libia, viale Ionio, Conca d'Oro... Posso dire, prove alla mano, che di pomeriggio intorno alle 16,30, per arrivare con il 63 a viale Ionio ci ho messo pių di un'ora. Un'altra mattina intorno alle 11 ho aspettato 20 minuti l'autobus a piazza Bologna per andare a Villa Chigi. E stamattina per arrivare a piazza Conca d'Oro da piazza Venezia ci ho messo oltre un'ora e segnalo che mi č sembrato surreale che il gigante 80 debba passare a Corso Trieste che non č esattamente una strada veloce.

La signora non andrā esattamente a piedi, visto che era proprio sull'80 ma forse percorre tragitti brevi, forse  giusto quel tratto magico, di frontiera di via delle Valli che credo valga invece la pena di fare a piedi, per godersi il raro segno di come la cittā si fosse fermata e poi ha ricominciato a crescere. O forse il segno tangibile di voler congiungere due parti della cittā che si guardavano da lontano.

Signora, ragioniamo. Questo prolungamento di "sole" 4 fermate (Nomentano, Annibaliano, Gondar, Conca d'Oro), la linea B1 da piazza Bologna, permetteranno di raggiungere il centro in 15 minuti e l'EUR, (dico, la parte opposta di Roma!) in una mezzoretta. Tutto in un settore della cittā che ha le dimensioni di un capoluogo di altre regioni. Ed č previsto che ci sia un "prolungamento del prolungamento", che la metro vada oltre Conca d'Oro, ancora a nord verso un quartiere di cui qui si vedono le prime case ma che si sviluppa per chilometri.

Giusto a Parigi o a Londra... Pazienza per i cinque anni di lavori. Da quello che ho potuto vedere saranno cantieri "soft": 30 metri di profonditā, una "talpa" che scava e riveste avanzando, basso impatto di superficie, parcheggi di scambio, alberi salvati e rialloggiati al Pratone delle Valli che apre in questi giorni con attrezzature dopo anni che forse non sono stati di abbandono ma dove il pratone č stato solo un pezzo di verde scampato chissā come e niente di pių.

 

Ma i  progetti per "la cura del ferro" che č decisamente il futuro di Roma, non si fermano qui. Apriranno presto i cantieri della linea C che attraverserā Roma da est a ovest. E apriranno i cantieri della linea D, da nord a sud. E sarā completato l'anello ferroviario. E sarā ristrutturata la stazione Tiburtina... Muoversi sarā una magnifica e comoda avventura metropolitana. Non vedo l'ora

J

cerca


soggettive


accade a Roma


la cittā futura


c'era una volta


cittā del cinema


for de porta


antichi sapori


Roma sparita