scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti - scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani ... e dintorni - scrivici

 scrivi 

10.07.2006 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                     la città futura

Metro C - aprono i cantieri per le indagini archeologiche

La storia è vecchia come il cucco ed è anche oggetto di storici luoghi comuni: la metropolitana a Roma non si può fare, troppi reperti archeologici, appena si comincia a scavare si trova qualcosa e i lavori si bloccano. E invece la metro C è partita, nella tratta da San Giovanni ad Alessandrino le indagini sono state già fatte e stanno cominciando a scavare per la costruzione delle stazioni.

Ma la tratta più delicata è l'altra, quella da Clodio/Mazzini a San Giovanni, tratta che passa da Corso Vittorio, e da piazza Venezia, il cuore del cuore di Roma.

Come ormai abbiamo avuto modo di dire, la metro core ad una profondità di trenta metri, dove non ci sono reperti. il problema si pone nei punti di risalita, insomma alle stazioni dove da trenta metri bisogna arrivare all'aperto; è lì che risalendo si troverà di tutto.

E proprio per vedere cosa c'è, partono oggi i 13 cantieri di verifica archeologica: in relazione a cosa si troverà, si deciderà dove sistemare la stazione, o meglio la rampa di discesa alla stazione.

Sindaco, sovrintendenti, direzione di MetroRoma sono tutti convinti che i tratta di una grandissima sfida, di una operazione complessa che nessuna città al mondo dovrebbe mai affrontare perchè nessuna città al mondo ha il sottosuolo del centro di Roma. Ma il sindaco è convinto che si tratti di una realizzazione che cambierà la vita dell'intera città; per capirci si tratta di percorrere

E Sovrintendenza e MetroRoma sono consapevoli che si è di fronte a due forti interessi pubblici: tutele del patrimonio archeologico e modernizzazione della città, interessi che occorrerà mediare perchè è sicuro che in tutti i cantieri di indagine archeologica verranno alla luce cose del passato, dove per passato ormai si intende non solo quello remoto ma anche quello prossimo. L'impresa sarà decidere cosa vale la pena di tutelare spostando il posizionamento delle risalite, cosa recuperare e cosa sacrificare. E d'altra parte c'è da dire che questa metropolitana "archeologica", i lavori per la sua realizzazione consentono di conoscere cose che comunque sono a tuttoggi sepolte e sconosciute.

Ecco i cantieri e tremano le vene dei polsi:

  1. piazza Venezia - aiuola centrale dal 7 luglio - 5 mesi e mezzo

  2. piazza della Chiesa Nuova - dal 7 luglio - 3 mesi

  3. largo dell'Amba Aradam - dal 7 luglio - 4 mesi

  4. largo Ipponio - dal 7 luglio - 1 mese e mezzo

  5. viale Mazzini - dal 10 lugli - 6 mesi

  6. piazza Paoli - dall'11 luglio - 3 mesi

  7. viale Angelico/Milizie - dal 13 luglio - 2 mesi

  8. via dei Fori Imperiali/Colosseo - dal 17 luglio - 5 mesi e mezzo

  9. via Barletta - dal 20 luglio - 2 mesi

  10. via Cesare Battisti - dal 21 luglio - 2 mesi

  11. S. Andrea della Valle - dal 28 luglio - 4 mesi

  12. via di Villa Fonseca/Amba Aradam - dal 28 luglio - 3 mesi e mezzo

  13. S. Ivo alla sapienza   - dall'1 ottobre - 1 mese e mezzo

 

I cantieri occuperanno spazio, sacrificheranno qualche posto macchina. Ma si approfitterà anche per fare lavori di sistemazione, come a piazza Venezia, dove si sistemeranno gli avvallamenti causato da "l'annegamento degli stangoni". Certo detto così... gli stangoni sono le lastre, quella perfide che quando ci passi sopra col motorino sbandi, che definiscono il disegna della piazza fatto da Corrado Ricci, disegno che sarà rispettato anche dopo la realizzazione della stazione metro e della inevitabile sistemazione della piazza che per il momento sembra solo riservata alle macchine. Probabilmente il nuovo progetto farà scomparire l'aiuola che peraltro risale solo agli anni 60, fatta per evitare che in mezzo ci fosse un parcheggio. Come si vede nei vecchi film.

Buon lavoro.

www.romametropolitane.it

ac :)

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio