scrivi - qui non scrivono solo i giornalisti, scrive chi vuole raccontare le storie di Roma e dei romani - scrivici

 scrivi

             chi siamo

domenica 03 aprile 2011

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                           soggettive

Nancy Brilli nel 1999 per www.intervisteromane.net

 

Lei è romana, vero?
Romana de Roma da sette generazioni…


In quale zona di Roma ha passato l’infanzia e quali sono i suoi ricordi?

Veramente io ho abitato per molto tempo all’Eur e poi mi sono trasferita a Casal Palocco, per cui la Roma vera, quella del centro storico per intenderci, non l’ho mai conosciuta se non a 18 anni, cioè quando sono venuta ad abitare in centro. Per cui mi ricordo biciclette, pattini, giardini , prati immensi e aria buona.


In quali zone di Roma ha abitato?
Io ho cambiato tantissime case, penso di aver traslocato almeno 15 volte. Ultimamente ho preso casa nel quartiere Prati, a due passi dal Vaticano.


Com’è il suo rapporto con Roma?
Ottimo, anche se a volte non capisco le strade che devo fare, mi perdo 300 volte al giorno, anche perché non ho tanto il senso dell’orientamento. Faccio come le pecore, seguo sempre le stesse strade, lo stesso tragitto.


Che rapporto ha con la cucina romana?
Devo dire che la vera cucina romana è basata su piatti e cose che mi fanno orrore, tipo la pajata, la coda alla vaccinara, la trippa e compagnia bella. Sono cose che non amo veder nemmeno nei negozi. Amo invece la matriciana, anche se non è proprio romana romana e adoro i fritti vegetali. Sotto casa mia c’è una trattoria dove vado ormai da 15 anni e si chiama “ da Dante “. E’ favolosa. Provare per credere. ( risata )


C’è un angolo di Roma a cui lei è legata?
No! Legata, proprio no. Diciamo che mi sento legata un po’ a tutta Roma


Cosa prova nel tornare a Roma dopo una lunga assenza?

La vera sensazione di tornare a casa, perché Roma mi manca quando sono via. Non mi manca il traffico e nemmeno il caos di Roma, ma quando ci torno mi riempio gli occhi di tanta bellezza.


Nancy, posso darle del “tu”?
Diciamo di si.


Come vedi i romani o meglio pregi e difetti ?
L’indolenza sicuramente è un grande difetto, insieme alla pigrizia. Il senso dell’umorismo e la grande ironia invece sono dei grandi pregi che i romani hanno in abbondanza.


Ma qual è secondo te il fascino di Roma ?
Che è tanto tanto bella.


Se tu avessi la bacchetta magica, cosa faresti per Roma?
Parcheggi invisibili e musei aperti 24 ore su 24.


Un tuo sogno nel cassetto?
Non ne ho.

 


accade a Roma


soggettive

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema