scrivi

             chi siamo

domenica 29 dicembre 2013

           

                                                                                             percorsi

San Lorenzo

Solo timidi nasoni a dissetare uno dei quartieri più intriganti di Roma e questo "nasone" è tutto dedicato a Claudio, la nostra colonna portante e a Eugenia Serafini, la nostra amica poetessa, artista, performer che vive e ha il suo studiolo a San Lorenzo (e non saprei immaginarla in nessun altro posto).

 

Ma andiamo con ordine.

Nel mio immaginario di "nuova romana", San Lorenzo era Via dei Volsci, i collettivi politici "cattivi" degli anni '70, l'università lì vicino come la stazione Tiburtina; nelle visite agli amici che studiavano a Roma, sentivo e vivevo questi luoghi come un unicum. Ho ritrovato conferme un po' di tempo fa, quando ho fatto da tutor ad un gruppo di ricerca che lavorava sull'immagine del quartiere e sulle sue potenzialità di sviluppo economico, una roba da sociologi ed economisti dove io li "tutoravo" per gli aspetti della comunicazione per immagini, vabbhè. In realtà Tiburtina  e Sapienza sono di più: sono un unicum ma sono anche confini, frontiere, che insieme alle Mura Aureliane e al Verano, circondano San Lorenzo e ne fanno una sorta di isola. Detto così sembra molto poetico ma è quello che si faceva con i quartieri operai alla fine dell'800, un po' perchè il terreno disponibile era fuori le Mura, un po' per tenerli lontani e riservando loro una zona di poco pregio: all'epoca non c'era l'università ma c'era e c'è tutt'ora il Cimitero Verano. E' lo stesso isolamento (allora) di Testaccio ce è chiuso fra le Mura, la ferrovia, il fiume, il mattatoio e le pendici di Aventino e Monte dei Cocci.

Ma per certi versi è stato, io credo, proprio questo "isolamento" a dare compattezza di identità a San Lorenzo ed è un "sapore" che lo senti ancora adesso che non ci abitano più solo ferrovieri, operai e artigiani.

 

 

 

Claudio secondo me è di San Lorenzo anche se è nato e cresciuto a Via La Spezia, quartiere Appio; ma tutti i suoi erano di San Lorenzo e a San Lorenzo è legato uno dei suoi ricordi che sono un pezzo di storia di Roma.

 

 

Che meraviglia.

 

Eugenia Serafini invece è diventata di San Lorenzo. Anni fa ci è venuta a vivere, in una casa a cui si arriva da un cortile, con le scale che odorano di buona cucina e le finestre che guardano verso il tramonto. E  San Lorenzo c'è il suo "Studiolo" in via dei Marsi 11, un piccolo locale diventato il suo atelier pieno di colore e fantasia.

Intanto potete visitare il suo sito http://www.eugeniaserafini.org/ .

 

Buona passeggiata :)

 

la mappa dei nasoni


accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema