domenica 29 giugno 2014

           

                                                                                             percorsi

A Porta Maggiore

 

Solo due nasoni ma quanto al posto...

Non stupisca che io suggerisca di fare una passeggiata in un posto che non nessuna delle normali attrattive che generano una passeggiata

Questo è uno spicchio residenziale di margine relativamente al quartiere per altro nato pensando ad un ceto medio impiegatizio, non ci sono negozi di respiro urbano. L'unica presenza architettonica è Porta Maggiore che è da sempre soffocata nell'intreccio della viabilità su gomma e su ferro ed è difficile, molto difficile, apprezzarla per come merita.

E per me è proprio questa difficoltà che rende il posto ai limiti del meraviglioso.

Porta Maggiore è riuscita a mantenere il suo carattere di "porta" ma anche di "nodo": in questo punto confluivano otto degli undici acquedotti che portavano l'acqua a Roma. Ed è comunque una porta particolare. E' stata costruita dall'imperatore Claudio nel 52 d.C. per consentire all'acquedotto Claudio di scavalcare le via Labicana e Prenestina che uscivano dalla vecchia porta Esquilina delle vecchie mura Serviane e in questo punto si biforcavano per andare ognuna alla sua destinazione. La porta quindi è un pezzo dell'acquedotto e se si guarda in alto, si vedono ancora le condotte dell'acqua. Fu inglobata nelle Mura Aureliane nel III secolo, quando queste furono costruite.

Il nome non ha una origine precisa e non si riferisce ad una particolare monumentalità (di porte monumentali a Roma ce ne sono molte); probabilmente il nome è entrato nel linguaggio per la vicinanza con la basilica di Santa Maria Maggiore.

Nodo importante della rete dell'acqua e oggi nodo di viabilità.

Qui cominciano Via Casilina e Via Prenestina, qui passano sia il tram che va sulla Prenestina giù giù fino a Centocelle, sia il trenino delle Laziali verso la Casilina che adesso si ferma a Giardinetti, fino a pochi anni fa arrivava fino a Pantano Borghese (e da Centocelle sarà presto attivata la nuova Metro C) e ancora prima, fino al 1960 arrivava fino a Fiuggi e percorrendo la via Casilina si ritrova ancora il tracciato e in qualche punto dall'asfalto emergono ancora i binari a scartamento ridotto.

Tram, trenino, automobili si incrociano tutti a porta maggiore in un intrico di semafori e binari che io trovo molto affascinante. Perchè questa è un'altra "frontiera" e sulle frontiere io sento un profumo speciale.

 

 

Buona passeggiata :)

 

 

la mappa dei nasoni


accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la città futura

c'era una volta

città del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zètema

Upter

Città del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittà

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema