domenica 05 luglio 2015

            

                                                                                             percorsi

Il confine fra una  Navicella, un Circo, le Mura....

 

Bisognerebbe andarci a piedi, come in molti posti. E a piedi capire dove siamo. perchč qui siamo ad un incrocio.... ma che dico? ad un nodo bello e importante che, percorrendolo sempre in macchina o con l'autobus, la maggior parte di noi che non abitiamo in zona non riesce a percepire. come altri, un altro pezzo di cittā che leggiamo per "strade" ma non per consapevolezza della cittā. Cosa per la quale c'č un solo modo: andare a piedi, come fosse un'esplorazione.

E dunque, partiamo.

 

Il fatto č che qui siamo a ridosso di una porta, Porta Metronia, e che quindi da qui non solo qui arrivano dal centro della cittā una serie di strade, ma da qui si dipartono quei nuovi quartieri cresciuti quando Roma č diventata la capitale del nostro paese.

Questo č successi a molte porte lungo la cinta delle Mura Aureliane. Ma mentre per alcune c'erano vincoli dati da grandi strade esistenti e rilievi che non consentivano immediate espansioni a raggiera a partire dalla porta (mi viene in mente porta del Popolo e via Flaminia a ridosso delle alture tufacee dei Parioli) o porta Maggiore segnata da acquedotti e ferrovia, o Porta Portese a ridosso del Tevere), qui siamo, o meglio si era, in una pianura tutta libera, tutta da edificare.

E cosė ecco il via a spicchi di cittā che si susseguono come in un albero biblico delle generazioni.

A Porta Metronia arriva via della Navicella che a sua volta arriva dal Celio e dai Santi 4 Coronati e si congiunge per un ultimo saluto a via dell'Arco di Druso che a sua volta arriva da porta Capena e dalle erme di Caracalla che si discioglie in via Dall'Amba Aradam che a sua volta conduce, dopo un un po', a San Giovanni. E passata la porta si dipartequello spicchio riservato e nascosto ne tridente compreso ra le Mura, via Gallia e via Ipponio; una zona che tutti pensiamo "dalle parti di San Giovanni me che č sfrangiata, diversa, appartata e pensata per un ceto impiegatizio medio-alto.

 

 

Un nodo che racconta molta storia  della cittā e con poche fontanelle perchč, almeno all'interno di Porta Metromia, poco edificato.

Infatti ci sono solo due "travertini con lupa" nell'area verde di via della navicella, quasi a ristorare gli avventurosi turisti. E un nasone all'inizia di via della Ferratella, primo spicchio edificato.

 

A riprova del fatto che qui solo residenza alto borghese (con automobile) e  verde, pochi autobus tra cui l'introvabile 81. Per il grande traffico bisogna arrivare a via Gallia da una parte e a San Giovanni dall'altra.

In mezzo una curiosa passeggiata a piedi che ricuce, nalla conoscenza e nella percezione, un pezzo di cittā.

 

Buona passeggiata

 

angela :)

 

 

la mappa dei nasoni


accade a Roma


il sindaco Marino

nei luoghi di Ettore

rioni di Roma

percorsi

dove siamo?

la cittā futura

c'era una volta

cittā del cinema

for de porta

antichi sapori

roma sparita

soggettive  

parole di sindaco


Comune di Roma

Atac Roma

Auditorium

Casa del Cinema

Casa del jazz

Casa dei Teatri

Casa Letterature

Casa Architettura

MACRO

TorBellaMonaca

Teatro di Roma

Teatro dell'Opera


LaScatolaChiara

Charta Roma

Zčtema

Upter

Cittā del Gusto

Trenitalia

Aeroporti di Roma

Cinecittā

Battelli di Roma

La Sapienza

Tor Vergata

Roma3

CameraCommercio


Provincia di Roma

Regione Lazio


Montasola

Immagini Cinema